Carlo Freccero: ‘Sfera Ebbasta via da The Voice? Ha prevalso il politicamente corretto’

Lo sfogo del direttore di Rai 2 Carlo Freccero: 'Sfera Ebbasta escluso da The Voice 6? Volevo aggiornare la Rai per avvicinarla al mondo dei millennials e dei frequentatori dei social, ma ha prevalso il politicamente corretto'. Ora va trovata in fretta una nuova soluzione.

Pubblicato da Raffaele Dambra Venerdì 22 febbraio 2019

Carlo Freccero: ‘Sfera Ebbasta via da The Voice? Ha prevalso il politicamente corretto’

Avrete sicuramente letto della confusione creatasi attorno a The Voice 6 (si fa? non si fa?) e a mettere un po’ d’ordine è finalmente intervenuto Carlo Freccero, direttore di Rai 2, spiegando che i problemi sono sorti a causa della ventilata partecipazione in veste di coach del trapper Sfera Ebbasta, bocciata dai vertici dell’azienda per motivi di opportunità (il nome di Sfera è legato, seppur indirettamente, alla recente tragedia di Corinaldo). ‘Lo stop a Sfera Ebbasta ha provocato il disimpegno della società di produzione Freemantle’, ha spiegato Freccero, ‘E adesso va trovata in fretta una soluzione’.

Facciamo un veloce riepilogo: il talent musicale The Voice 6 doveva iniziare il 16 aprile con la conduzione di Simona Ventura, attesa al ritorno in Rai dopo qualche anno. Per il ruolo dei coach erano stati scelti (da Fremantle con il benestare dello stesso Freccero) quattro artisti in grado di attirare il pubblico giovane: Morgan, Gué Pequeno, Elettra Lamborghini e, appunto, Sfera Ebbasta. Ma al momento di ricevere l’ok definitivo (in pratica il giorno prima di effettuare lo shooting fotografico ufficiale), dai piani alti di viale Mazzini è arrivato il niet alla partecipazione di Sfera: il ricordo di Corinaldo è ancora troppo fresco.

Leggi anche: The Voice of Italy cancellato da Rai 2? Sfera Ebbasta non gradito come giudice

Carlo Freccero: ‘Per me Sfera Ebbasta era ok, ma poi…’

‘Noi assolutamente non rinunciamo a The Voice’, ha detto Carlo Freccero all’agenzia Adnkronos, ‘È vero che avevo dato l’ok su Sfera Ebbasta, ma poi il protocollo del politicamente corretto ha prevalso. Io spero che Fremantle ci ripensi perché è una produzione che è garanzia di qualità e performance’.

‘In ogni caso’, ha aggiunto Freccero, ‘I diritti del programma appartengono alla Toro, quindi senza Fremantle si può comunque andare avanti. Mi auguro soltanto che la Toro abbia imparato dalle esperienze di X Factor, dove corriamo il serio rischio di trovare in giuria per la prossima stagione proprio Sfera Ebbasta…’.

‘Volevo un team giovane per avvicinare la Rai al mondo dei millennials’

Carlo Freccero ha poi ripercorso le tappe salienti della vicenda: ‘Quando sono arrivato a Rai 2 ho proposto di rifare The Voice con Simona Ventura perché volevo portar via pubblico a Italia 1 e Canale 5. Poi ho preso Morgan e per i restanti tre coach mi sono rivolto a Fremantle chiedendo loro di ripetere la stessa operazione fatta su Sky Uno con X Factor, dove nell’ultima edizione ha vinto un rapper, Anastasio, in modo da ‘aggiornare’ la Rai per renderla più vicina al mondo dei millennials e dei frequentatori dei social. A mio avviso la contemporaneità è fondamentale per cambiare la Rai e non farla vivere solo di memoria e nostalgia’.

Leggi anche: Simona Ventura a The Voice: ‘Ringrazio Maria De Filippi ma in Rai ho un pezzo di cuore’

‘I vertici Rai mi hanno detto che al principio del politicamente corretto non si può derogare’

E Fremantle ha proposto Sfera Ebbasta, Gué Pequeno ed Elettra Lamborghini: ‘A dire il vero l’unica perplessità l’avevo sulla Lamborghini, perché non la conoscevo, mentre ho subito dato l’ok su Sfera e Gué, che conosco invece molto bene. Lo so che il protocollo della Rai prevede il politicamente corretto, ma ho pensato che per una volta fosse giusto percorrere il nuovo, il contemporaneo, il mood di adesso. Con la garanzia, datami dall’avvocato di Fremantle, che non ci fosse alcun processo su Sfera Ebbasta e sui tragici fatti di Corinaldo in contemporanea con il programma. Purtroppo non sono riuscito a parlare subito con i vertici della Rai, perché erano tutti impegnati su Sanremo, e quando ho formalizzato la proposta mi è stato detto che al principio del politicamente corretto non si può derogare: l’alone della tragedia di Corinaldo è ancora troppo vivido, per cui la presenza di Sfera Ebbasta non è opportuna’.

E adesso che succederà? ‘Non lo so, ma dobbiamo sbrigarci a trovare una soluzione’, ha concluso lo sconsolato Freccero.