CR4, Morgan: ‘Achille Lauro non canta di droga, Battisti sì. Antonio Ricci non sopporta Salzano’

Morgan ha accusato Antonio Ricci di aver preso di mira Achille Lauro solo perché non ha in simpatia l'agende Ferdinando Salzano. Il cantante ha anche ribadito che il brano 'Rolls Royce' non è un inno all'ecstasy

Pubblicato da Chiara Podano Giovedì 14 febbraio 2019

CR4, Morgan: ‘Achille Lauro non canta di droga, Battisti sì. Antonio Ricci non sopporta Salzano’

Morgan è stato ospite di Chiambretti, l’ex leader dei Bluvertigo ha difeso Achille Lauro dalle accuse di Striscia La Notizia secondo cui il brano presentato a Sanremo dal trapper sia un inno all’ecstasy. Durante la serata dei duetti Morgan è salito sul palco dell’Ariston proprio per duettare con l’ex protagonista di Pechino Express.

A CR4 si accende il dibattito su ‘Rolls Royce’ il brano che Achille Lauro ha portato a Sanremo 2019. ‘Ho parlato con Ricci. Non è proprio un trombone, ma il problema vero e proprio di questo brano e di questo ragazzo, Achille Lauro, è quello di aver fatto una canzone che inneggia in maniera subliminale alla droga ma che in qualche maniera la mistifica, la maschera…’, ha detto Chiambretti.

Morgan contro Striscia La Notizia difende Achille Lauro

Morgan è intervenuto per ribadire quanto già espresso dal trapper ovvero che la canzone non è un inno alla droga. ‘Io ritorno a dire che quella di Achille sia una canzone sull’automobile. E quelle RR… non siamo tenuti a sapere quante simbologie ci siano ovunque. La maggior parte dei simboli medici, per esempio, ricordano l’aquila del Nazismo. Non vanno al Festival di Sanremo ma vanno su tutti i farmaci, e allora? Sono pretestuose queste cose, ed io non sono tenuto a saperle’, ha detto il cantante.

Leggi anche: Sanremo 2019, Striscia contro Achille Lauro: ‘Rolls Royce è un inno all’ecstasy’

Il vero problema secondo Morgan è che Antonio Ricci ha delle antipatie verso Salzano. Il Tg satirico prima dell’inizio del Festival ha puntato il dito contro Claudio Baglioni evidenziando come molti cantanti in gara appartenessero alla stessa agenzia del direttore artistico, la ‘Friends and Partners’ di Ferdinando Salzano.

Leggi anche: Striscia La Notizia denuncia conflitto di interessi al Festival di Sanremo

‘Tralasciando il fatto che anche la parola ‘Striscia’ volendo ha a che vedere con la droga… Il vero problema di Ricci è che non sopporta Salzano, è questo il punto. E comunque non dobbiamo parlare di droga con questa superficialità, perché è un problema vero. Achille Lauro è un vero artista’, ha aggiunto Morgan.

Il cantante ha poi riportato molti esempi di brani che hanno parlato di droga. ‘Quasi tutte le canzoni parlano di droga, persino ‘Si viaggiare’. Chiambretti gli ha poi fatto notare che nel brano di Achille Lauro sono citati molti artisti morti di droga.

‘Amy Winehouse è morta di infarto, che c’entra la droga? L’hai mai vista drogarsi? Dire queste cose è come dire che Prodi rubava. In realtà io non sapevo nulla di Prodi ma […] per me Prodi è quello che vedo, ed era una persona in grado di governare. Per Amy Winehouse mi spiace, avrà avuto altri problemi. C’è chi è morto di droga ma c’è anche chi non ne è morto, così come c’è chi è morto camminando semplicemente per strada’, ha risposto Morgan.