Anna Foglietta: ‘Il Festival di Sanremo? Non direi che è un’esperienza indimenticabile’

Anna Foglietta ha definito il Festival di Sanremo una esperienza non proprio indimenticabile. Eppure, l'attrice che ha condotto il DopoFestival, alla kermesse ci ritornerebbe a condizione di 'puntare un po' di più i piedi sui testi e sugli autori’. Poi, si esprime sulle polemiche nate in seguito alla vittoria di Mahmood.

Pubblicato da Luana Rosato Mercoledì 13 febbraio 2019

Anna Foglietta: ‘Il Festival di Sanremo? Non direi che è un’esperienza indimenticabile’
Anna Foglietta alla presentazione del Dopofestival 2019 / Ansa.

Anna Foglietta ha condotto il DopoFestival insieme a Rocco Papaleo e Melissa Greta Marchetto, ma la sua esperienza a Sanremo 2019 sembra non averla soddisfatta appieno.

‘È stato un frullatore incredibile, ma non direi che è un’esperienza indimenticabile’ – così Anna Foglietta si è espressa sulla 69esima edizione del Festival della Musica Italiana. Ospite di Circo Massimo su Radio Capital, l’attrice non ha avuto remore nel dispensare giudizi e pareri sulla kermesse musicale che l’ha vista protagonista insieme ad altri colleghi, sulle performance di Claudio Bisio e Virginia Raffaele e sulle polemiche nate in seguito alla vittoria di Mahmood e al secondo posto di Ultimo.

Leggi anche: Sanremo 2019: Anna Foglietta, gaffe ‘grammaticale’ al Dopofestival

Anna Foglietta: ‘Rifarei il Festival di Sanremo, ma…’

Anna Foglietta ha descritto il Festival di Sanremo come ‘un concentrato di vita’ ricco di ‘emozioni fortissime’.

Eppure, per l’attrice, visto da dentro, perderebbe di fascino: ‘È tutta una tensione, un corri corri, è tutto rapido, molto compresso, non c’è il tempo di costruire un pensiero artisticamente più alto’.

Su una cosa, però, la Foglietta è certa: è stata libera di esprimersi e, in futuro, tornerebbe alla kermesse ad una condizione, ‘ puntando un po’ di più i piedi sui testi e sugli autori’.

Ed è proprio a questi ultimi che ha avuto una serie di appunti da fare, soprattutto in considerazione degli sketch che hanno visto Bisio e la Raffaele protagonisti.

‘Non mi sono piaciuti gli sketch, alcuni erano imbarazzanti’ – ha detto, prima di dire la sua sui conduttori che Claudio Baglioni ha scelto come compagni di questo Festival.

‘A me Baglioni piace sempre, non riesco a criticarlo’ – ha detto – ‘Bisio, invece, secondo me non è riuscito a esprimersi per quello che è e per come voleva: è un grandissimo mattatore ma è partito con il piede sbagliato e non è riuscito a sbloccarsi’.

Più clemente, invece, con la Raffaele: ‘E’ riuscita a dimostrare, in parte, la sua verve da prima donna. Rispetto a Bisio l’ho vista più morbida, più allineata a un certo tipo di intrattenimento’.

Anna Foglietta sulle polemiche a Sanremo 2019

Infine, Anna Foglietta si è espressa sulle polemiche nate in seguito alla vittoria di Mahmood durante questa edizione di Sanremo.

‘Sia Ultimo che Mahmood appartengono a una generazione di ragazzi pensanti che non accettano il pensiero razzista ed esclusivista’ – ha spiegato.

Per l’attrice, tuttavia, il regolamento che determina i voti a Sanremo è giusto: ‘E’ giusto che giuria di qualità e giornalisti siano determinanti, altrimenti ci saremmo trovati sul podio sempre cantanti molto amati dai ragazzini, come quelli che escono da Amici, e non avremmo avuto un’evoluzione reale della musica’.

Infine, proprio a Ultimo, ha un appunto da fare: ‘Deve stare molto calmo: è un ragazzo e un artista splendido, ma ha fatto un autogol’ – ha detto – ‘[…]Uno che in 13 mesi è arrivato primo fra le nuove proposte e secondo fra i big non si può proprio lamentare’.