Sanremo 2019, il chitarrista dei Negrita: ‘Suoniamo sempre alla fine, non mi piace’

Altra polemica a Sanremo 2019: il chitarrista dei Negrita, Drigo, si è lamentato perché la band suona sempre alla fine. 'Non mi piace, per noi è penalizzante mentre è facile per qualcun altro...', ha scritto su Facebook il musicista toscano.

Pubblicato da Raffaele Dambra Venerdì 8 febbraio 2019

Sanremo 2019, il chitarrista dei Negrita: ‘Suoniamo sempre alla fine, non mi piace’
I Negrita posano per la stampa alla vigilia del Festival di Sanremo 2019 / Ansa.

Altra piccola polemica al Festival di Sanremo 2019: il chitarrista dei Negrita, Enrico ‘Drigo’ Salvi, si è lamentato su Facebook perché sia in occasione della prima che della seconda serata la band ha suonato sul tardi, subendo un evidente penalizzazione in termini di visibilità rispetto ai cantanti che si sono esibiti in primetime. ‘Questa classifica non mi piace. E non mi piace suonare per ultimo. È penalizzante. Facile così… per qualcun altro’, ha scritto l’inviperito Drigo.

In effetti nelle prime due serate di Sanremo 2019 i Negrita non sono stati trattati benissimo: nella puntata inaugurale la rock band toscana è salita sul palco alle 23:57, diciassettesima su ventiquattro concorrenti (certo, è andata peggio a Mahmood che ha cantato all’una…), mentre nella successiva Pau e compagni si sono visti alle 23:36, penultimi tra i cantanti in gara.

Esibirsi sul tardi è penalizzante

In entrambe le puntate i Negrita sono finiti nella parte bassa della classifica, e a prescindere dalla qualità del loro brano ‘I ragazzi stanno bene’ (che non ha ricevuto critiche troppo positive) è indubbio che esibirsi sul tardi, quando c’è meno gente davanti alla TV (ballano quei 5/6 milioni di telespettatori in meno), sia più svantaggioso.

Leggi anche: I pronostici delle agenzie di scommesse per Sanremo 2019

Solitamente l’ordine di uscita viene capovolto

È anche vero, però, che solitamente la scaletta viene capovolta rispetto alle prime serate, proprio per dare a tutti le stesse possibilità, per cui ci aspettiamo che sia nella serata dei duetti (con i Negrita ci saranno Enrico Ruggeri e Roy Paci) che in occasione della finale di sabato, la band aretina venga posizionata all’inizio della puntata. E se così non fosse Drigo avrebbe tutte le ragioni del mondo per arrabbiarsi nuovamente…

La scaletta delle prime tre serate: qualcuno è stato favorito?

Per completezza di informazione vi riportiamo l’ordine di uscita dei cantanti di Sanremo 2019 nelle prime tre serate, così potete constatare da soli se alcuni artisti siano stati favoriti e altri penalizzati.

Prima serata: Francesco Renga, Nino D’Angelo e Livio Cori, Nek, Zen Circus, Il Volo, Loredana Bertè, Daniele Silvestri, Federica Carta e Shade, Ultimo, Paola Turci, Motta, Boomdabash, Patty Pravo e Briga, Simone Cristicchi, Achille Lauro, Arisa, Negrita, Ghemon, Einar, Ex-Otago, Anna Tatangelo, Irama, Enrico Nigiotti, Mahmood.

Seconda serata: Achille Lauro, Einar, Il Volo, Arisa, Nek, Daniele Silvestri, Ex-Otago, Ghemon, Loredana Bertè, Paola Turci, Negrita, Federica Carta e Shade.

Terza serata: Mahmood, Enrico Nigiotti, Anna Tatangelo, Ultimo, Francesco Renga, Irama, Patty Pravo e Briga, Simone Cristicchi, Boomdabash, Motta, Zen Circus, Nino D’Angelo e Livio Cori.