Carlo Freccero: ‘Il programma su Beppe Grillo? Costato 40 mila euro quanto un caffè di Fabio Fazio’

Carlo Freccero punzecchia il conduttore di 'Che tempo che fa'. 'Se è vero che abbiamo perso 40mila euro per 'C’è Grillo', non mi pare ci sia stato questo gran danno industriale… costa quanto un caffè di Fazio', ha detto il nuovo direttore di Rai 2

Pubblicato da Chiara Podano Mercoledì 30 gennaio 2019

Carlo Freccero: ‘Il programma su Beppe Grillo? Costato 40 mila euro quanto un caffè di Fabio Fazio’
ansa/Carlo Freccero

Il programma su Beppe Grillo andato in onda su Rai 2? Costato 40 mila euro, quanto un caffè di Fabio Fazio. Carlo Freccero punzecchia il conduttore di ‘Che tempo che fa’. Il nuovo direttore del secondo canale del servizio pubblico ha parlato dell’insuccesso dello show andato in onda lo scorso lunedì contro ‘Adrian’ e ne ha approfittato per lanciare una frecciata a Fazio.

Freccero ha spiegato all’Agi le ragioni del flop dello show dedicato a Beppe Grillo. Il nuovo direttore di Rai 2 avrebbe sperato di raggiungere almeno il 5,8% con il programma dedicato al fondatore del Movimento 5 stelle, ma si è fermato al 4%. Per il giornalista la colpa è della programmazione sbagliata.

Carlo Freccero spiega il flop di Adrian e si scaglia contro Fazio

‘Se devo indicare i motivi di questo risultato direi che ha avuto tre handicap. Innanzitutto l’orario di partenza: è iniziato alle 21.06 ed è stato coperto fino alle 21.40 da ‘Striscia la notizia’ su Canale 5. Una scelta di programmazione sbagliata, dettata dall’esigenza di far terminare la trasmissione alle 23.35 per non disturbare l’inizio di ‘Che fuori tempo che fa’ di Fabio Fazio su Rai1′, spiega Freccero.

Dunque secondo il direttore di Rai 2 se il programma di Grillo avesse avuto più spazio andando oltre le 23.35 avrebbe avuto risultati migliori.

Leggi anche: Rai, 30 mila euro a Beppe Grillo per gli sketch in prima serata? È polemica

‘Il problema vero è che il coordinamento dei palinsesti ci danneggia sempre noi avevamo materiale per andare avanti fino all’1 di notte e avremmo fatto 6-7% di share, ma Marcello Ciannamea, il direttore dei palinsesti Rai, ragiona in maniera leninista e ha una posizione censoria nei miei confronti e pensa solo a Rai’, continua Freccero.

Il nuovo direttore di Rai 2 non nega che ‘C’è Grillo’ sia stato un flop, ma i flop sono utili a capire come muoversi in futuro.’È stato un insuccesso ed è innegabile, ma un insuccesso in tv aiuta a essere più razionali’.

La perdita in termini economici? A detta del nuovo direttore di Rai 2 è stata contenuta ed è a proposito di questo che il giornalista lancia una frecciatina e tira in ballo lo stipendio di Fabio Fazio. ‘Se è vero che abbiamo perso 40mila euro per ‘C’è Grillo’, non mi pare ci sia stato questo gran danno industriale… costa quanto un caffè di Fazio’, conclude il direttore.