Flavio Briatore: ‘Mio figlio all’università? Non ne vedo la ragione, sarò io a formarlo’

Flavio Briatore ha le idee chiare sul futuro del figlio Nathan Flaco. A 14 anni il ragazzo frequenterà un collegio in Svizzera, dopo il diploma inizierà a lavorare con il padre

Pubblicato da Chiara Podano Mercoledì 9 gennaio 2019

Flavio Briatore: ‘Mio figlio all’università? Non ne vedo la ragione, sarò io a formarlo’
ansa/Flavio Briatore

Il futuro di Nathan Falco, figlio di Flavio Briatore e Elisabetta Gregoraci è già scritto. Il papà imprenditore ha le idee chiare su ciò che riguarda il suo piccolo erede che compirà 9 anni il prossimo 18 marzo. Tra non molto il ragazzo frequenterà un collegio in Svizzera per poi diventare il braccio destro del padre.

‘Nathan Falco non può mica restare a Montecarlo a vita’, così Flavio Briatore in un’intervista rilasciata a Oggi parla del figlio nato dal matrimonio con Elisabetta Gregoraci. Il bambino lavorerà con il padre a cui non serve un laureato, ma qualcuno che sia pronto fin da subito a lavorare sodo. Dunque che necessità c’è per Nathan Falco di iniziare gli studi universitari?

Flavio Briatore: ‘sarò io a formare mio figlio’

‘Falco sa che a 14 anni andrà in collegio in Svizzera a fare il liceo. Non può mica restare a Montecarlo a vita. Poi dopo il diploma verrà a lavorare con me. Se volesse fare l’università? Non ne vedo la ragione: sarò io formarlo’, ha dichiarato Flavio Briatore parlando del figlio di 8 anni.

L’imprenditore ha le idee molto chiare. ‘Se uno ha una vocazione deve essere libero di assecondarla, ma a me non serve un laureato, mi serve uno che porti avanti quello che ho costruito: se mi serve un commercialista o un avvocato lo chiamo e gli pago la parcella’, ha aggiunto.

Nathan Falco ha già capito cosa vuol dire lavorare in azienda con il boss del programma ‘The Apprentice’. Briatore ha da tempo iniziato a mostrare al figlio cosa vuol dire impegnarsi sodo per ottenere dei risultati. A nulla dunque servirà essere ‘figlio di…’, il ragazzo dovrà comunque lavorare parecchio e chissà se rischia anche lui di sentirsi dire un giorno: ‘Sei fuori’.

‘Si guarda intorno già adesso e capisce che c’è tanta gente che lavora con noi: sa che avrà una responsabilità anche lui. Io lo sto crescendo mostrandogli l’importanza di un buon team. Se lavori bene, vieni pagato molto bene, se non lo fai sei fuori. È meritocrazia e nulla di più… Non esiste la fortuna: esistono i sacrifici, l’impegno’, ha raccontato l’imprenditore.

Separato da Elisabetta Gregoraci da un anno, Briatore ha confermato che i rapporti con l’ex moglie sono tranquilli perché entrambi hanno a cuore il benessere del figlio.

‘Siamo due bravi genitori, focalizzati entrambi su nostro figlio. Restiamo una famiglia e Falco cresce sereno e amato’, ha concluso l’imprenditore.