Lilli Gruber a Domenica In: ‘Sono cresciuta in Rai, ma nella vita bisogna scegliere’

ASCOLTA L'ARTICOLO

Affermata giornalista e fervida sostenitrice delle quote rosa, Lilli Gruber ha approfittato della partecipazione a Domenica In per lanciare un messaggio a tutte le donne. Prendendo come esempio il suo addio sofferto alla Rai per la sfida su La7, ha detto: 'Consiglio a tutte le donne di fare grandi scelte perché questo ci consente di competere davvero con gli uomini alla pari’.

Pubblicato da Luana Rosato Lunedì 17 dicembre 2018

Lilli Gruber a Domenica In: ‘Sono cresciuta in Rai, ma nella vita bisogna scegliere’
Lilli Gruber alla conduzione di Otto e mezzo su La7.

Lilli Gruber è stata una delle ospiti di Mara Venier a Domenica In e, a tu per tu con la conduttrice, la giornalista ha affrontato il suo allontanamento dalla Rai e la scelta di trasferirsi a La7 per occuparsi di Otto e mezzo.

Fervida sostenitrice delle quote rosa, Lilli Gruber ha approfittato della sua partecipazione a Domenica In per lanciare un messaggio a tutte le donne in carriera che aspirano a ruoli importanti. Prendendo come esempio la sua scelta di abbandonare la Rai dopo svariati anni alla conduzione delle principali testate giornalistiche, la Gruber ha spiegato: ‘Consiglio a tutte le donne di fare grandi scelte perché questo ci consente di competere davvero con gli uomini alla pari’.

Leggi anche: Lilli Gruber: ‘Non ho mai pensato di sposarmi e di avere figli’

Lilli Gruber: ‘Lasciare la Rai è stata una scelta sofferta’

Al timone di Otto e mezzo da quasi dieci anni, Lilli Gruber è approdata su La7 nel 2008 scegliendo di abbandonare la Rai.

‘Lasciare la Rai è stata una scelta sofferta’ – ha spiegato l’ospite di Mara Venier – ‘Non a caso si dice che la Rai è una grande mamma, ed è anche un’Italia in miniatura’.

Cresciuta professionalmente nella tv di Stato, la Gruber ha deciso non senza dispiacere di intraprendere una nuova avventura su La7.

‘Nella vita bisogna fare delle scelte, consiglio a tutte le donne di fare grandi scelte’ – ha detto, credendo fermamente che ciò serva per ‘competere davvero con gli uomini alla pari’.

‘Noi donne dobbiamo prenderci quello che è giusto’ – ha continuato a sostenere la giornalista – ‘Non aspettare che qualche maschio ce lo conceda’.

‘Sono stati fatti passi avanti, ma è troppo poco. Basta guardare la politica: troppe poche sono le donne che davvero contano’.

‘La democrazia deve andare avanti anche grazie alle competenze femminili’ – ha concluso la giornalista, che ha parlato con Mara Venier anche della sua vita privata.

Leggi anche: Lilli Gruber a Che tempo che fa: ‘La tv è un tritacarne. Bisogna maneggiarala con cura’

Lilli Gruber e il matrimonio con Jacques Charmelot

Oltre ad essere un’affermata giornalista, infatti, Lilli Gruber ha una felice vita privata: sposata dal 2000 con Jacques Charmelot, ha raccontato come la loro relazione prosegua da quasi venti anni.

Conosciutisi come inviati di guerra a Bagdad, si sono fidanzati solo nel 1995 quando entrambi non avevano compagni.

‘Ci siamo aspettati. Nel 1995, quando eravamo entrambi liberi, ci siamo messi insieme’ – ha raccontato, svelando il segreto di una unione così duratura.

‘Non viviamo sempre insieme’ – ha spiegato – ‘Lui vive tra Parigi, Roma e in giro per il mondo’.