Miriam Leone: ‘Le molestie? Non si può usurpare il diritto della donna a dire no’

ASCOLTA L'ARTICOLO

'Non si può usurpare il diritto della donna a dire no': Miriam Leone si è sempre dichiarata dalla parte delle donne che hanno subito molestie aderendo a Dissenso Comune e #nonènormalechesianormale. La ex Miss Italia 2008 ha spiegato come lavora in un ambiente maschile e il messaggio da far comprendere al 'sesso forte'.

Pubblicato da Luana Rosato Giovedì 6 dicembre 2018

Miriam Leone: ‘Le molestie? Non si può usurpare il diritto della donna a dire no’
Ansa/L'attrice Miriam Leone alla presentazione del film "Metti la nonna in Freezer".

Attrice e conduttrice, Miriam Leone ha manifestato apertamente il suo appoggio nei confronti di tutte le donne che hanno subito molestie aderendo a Dissenso Comune e #nonènormalechesianormale.

Dal 13 dicembre al cinema nel film Il testimone invisibile, Miriam Leone ha potuto notare sulla sua pelle quanto il mondo dello spettacolo sia cambiato dopo il ‘caso Weinstein’, che ha avuto ripercussioni anche in Italia. Intervistata dal settimanale Grazia, quindi, la ex Miss Italia 2008 ha raccontato come riesca a lavorare benissimo accanto agli uomini conservando la consapevolezza che ‘non si può usurpare il diritto della donna a dirti di no’.

Leggi anche: Miriam Leone fidanzata con Matteo Martari di ‘Non Uccidere’: il nuovo amore dopo Boosta

Miriam Leone: ‘No vuol dire no’

‘Io lavoro benissimo con gli uomini, amo lo scambio, anche la battuta greve mi fa ridere, la prendo con ironia’ – ha spiegato Miriam Leone, per nulla toccata da chi fa ironia ‘spinta’ sul posto di lavoro.

‘La grevità della battuta che mi viene fatta appartiene a chi la fa, proprio non mi tocca’ – ha continuato, ammettendo di essere la prima a scherzare condendo la battuta con una parolaccia.

Eppure, su una cosa la Leone non transige: ‘Se c’è qualcuno che ha dei problemi, che non ha imparato a vivere e a relazionarsi, non ho intenzione di fargli da assistente sociale’.

E, proprio in merito ai movimenti che sono nati in seguito al caso Weinstein, Miriam Leone ha sempre manifestato la sua completa adesione.

‘Dobbiamo rompere le scatole, sensibilizzare, fino ad apparire noiose, bisogna comunicare questo messaggio semplice: no vuol dire no’.

Leggi anche: Miriam Leone, da Miss Italia alla carriera di attrice: ‘Recitare è la mia vocazione’

Miriam Leone: ‘Dopo Miss Italia la mia vita è cambiata’

Dopo la vittoria a Miss Italia, la vita di Miriam Leone è radicalmente cambiata: la ragazza di Catania che sperava di poter dare una svolta alla sua quotidianità, si è affermata come attrice e conduttrice di successo.

La partecipazione al concorso di bellezza è arrivata quando lei aveva già 23 anni – ‘ero la zia delle altre ragazze’ – ed è avvenuta con la consapevolezza che potesse essere il suo trampolino di lancio.

‘Sono andata pensando: io lo so dentro di me che cosa voglio fare, e questa può essere una carta da giocare per emanciparmi e per andare via da questa realtà’.

Così, infatti, è stato: Miriam Leone ha avuto il successo che meritava e ha abbandonato quel mare davanti al quale stava seduta ‘a guardare l’orizzonte e aspettare che succedesse qualcosa’ per realizzarsi professionalmente.