Carlo Cracco rimprovera un concorrente che piange: ‘Fai il maschio’, e il web si scatena

A Hell's Kitchen succede anche questo, Carlo Cracco rimprovera un concorrente che piange invitandolo a 'fare il maschio', e il web si scatena contro lo chef di Creazzo, accusandolo di maschilismo: 'Dove sta scritto che anche un uomo non possa emozionarsi piangendo?'

Pubblicato da Raffaele Dambra Martedì 4 dicembre 2018

Carlo Cracco rimprovera un concorrente che piange: ‘Fai il maschio’, e il web si scatena
Lo show cooking di Carlo Cracco all'inaugurazione del temporary bar Lavazza / Ansa.

Durante l’ultima puntata di Hell’s Kitchen, Carlo Cracco ha rimproverato un concorrente che era scoppiato a piangere dall’emozione dopo aver ricevuto un complimento dallo chef di Creazzo (evento raro, bisogna ammetterlo). Motivo del rimprovero? Il pianto incontrollato del ragazzo, che Cracco ha giudicato esagerato e soprattutto poco dignitoso per un uomo, scatenando però la reazione dei social: ‘Dove sta scritto che un uomo non possa mostrare le sue emozioni anche piangendo?’

E in effetti l’espressione di Carlo Cracco quando ha visto le lacrime del lodigiano Rudy, questo il nome del concorrente, era tra l’attonito e lo sbigottito, come se non riuscisse nemmeno a concepire la scena a cui stava assistendo: ‘Ma che cosa fai, ti metti a piangere?’, gli ha detto, ‘Ma sembri un barboncino… Oh, sei un maschio ca**o! Ma quale emozione?!?’

Leggi anche: Carlo Cracco, ‘Mia moglie Rosa ha cambiato la mia vita’

‘Un uomo non può piangere che subito non è più considerato un uomo?’

Ecco, è stato proprio quel ‘sei un maschio ca**o’ a scatenare la reazione dell’ineffabile popolo della rete, che si è immediatamente riversato sui social per criticare la frase ‘machista’ del celebre chef: ‘Un uomo non può piangere che subito non è più considerato un uomo?’, ha scritto per esempio un utente, mentre un altro ha ricordato che ‘Questo è il tipo di cultura in cui non vogliamo più vivere’ e un altro ancora ha ribadito che ‘La gente non capisce che anche questo è maschilismo’.

Leggi anche: Bruno Barbieri difende la pizza di Carlo Cracco, ‘È un artista, può fare ciò che vuole’

Cracco ha sbagliato, ma…

Come al solito, a nostro parere, la verità sta nel mezzo. Onestamente Cracco poteva pure evitare quell’espressione che sapeva tanto di ‘Non piangere come fanno le femmine’, una roba decisamente anacronistica nell’anno domini 2018 (quasi 2019) d.C.

Leggi anche: Carlo Cracco dice addio a Masterchef, ‘Voglio concentrarmi sul mio lavoro’

Va però ricordato che Hell’s Kitchen è una trasmissione di pura ‘cucina spettacolo’ nella quale gli attacchi, le intemperanze e a volte anche gli insulti sono all’ordine del giorno, anzi potremmo quasi dire che sono il sale del programma. Quindi la durezza di Cracco verso i concorrenti va presa con le molle, essendo spesso frutto di un copione prestabilito. Senza che ci sia ogni volta bisogno di aprire una stucchevole polemica sui social.