Angelina Jolie e Brad Pitt: accordo extragiudiziale per la custodia dei figli

Buone nuove dal mondo di Angelina Jolie e Brad Pitt: con l'accordo extragiudiziale per la custodia dei figli, raggiunto a sorpresa, i due hanno evitato una battaglia legale in tribunale che avrebbe sicuramente nuociuto alla serenità dei 6 figli dell'ormai ex coppia d'oro di Hollywood.

Pubblicato da Raffaele Dambra Lunedì 3 dicembre 2018

Angelina Jolie e Brad Pitt: accordo extragiudiziale per la custodia dei figli
Brad Pitt e Angelina Jolie nel 2014 a un evento promozionale del film Maleficent / Ansa.

I magazine di tutto il mondo erano pronti a scatenarsi sulla battaglia in tribunale tra Angelina Jolie e Brad Pitt per l’affidamento dei figli, ma a poche ore dalla prima udienza prevista il 4 dicembre i due attori hanno trovato un accordo extragiudiziale che mette (dovrebbe mettere) fine alla diatriba esplosa nel 2016, subito dopo il clamoroso annuncio della separazione. Insomma, tutto è bene ciò che finisce bene (soprattutto nel’interesse dei 6 figli dell’ex coppia d’oro di Hollywood), anche se, giornalisticamente parlando, sarebbe stata molto più stimolante una battaglia legale senza esclusione di colpi…

La ‘pace’ tra Angelina Jolie e Brad Pitt è stata annunciata alla BBC da Samantha Bley DeJean, avvocato dell’attrice, che ha confermato il raggiungimento di un accordo extragiudiziale per salvaguardare la serenità dei 6 figli Chivan Maddox, Pax Thien, Zahara Marley, Shiloh Nouvel, Vivienne e Knox, attualmente tutti minori (il più grande, Maddox, compirà 18 anni il prossimo 5 agosto).

I dettagli dell’accordo Pitt-Jolie sono ancora sconosciuti

Attualmente non si conoscono i dettagli dell’accordo Pitt-Jolie, ma siamo certi che saranno resi noti a breve.

Anche perché sulla questione eravamo rimasti all’intenzione di Angelina Jolie di assicurarsi l’affidamento esclusivo della vasta prole, ribaltando l’iniziale proposito di optare per l’affidamento congiunto. Proprio per questo aveva recentemente revocato l’incarico alla sua legale Laura Wasser, ritenuta troppo conciliante verso l’ex marito, per affidarsi a un ‘mastino’ del foro come Samantha Bley DeJean.

Siamo perciò molto curiosi di sapere come hanno fatto Brad Pitt e Angelina Jolie a trovare un accordo e soprattutto su quali basi.

Leggi anche: Angelina Jolie e Brad Pitt, divorzio entro la fine 2018: lui non paga gli alimenti?

La singolare storia dei figli di Angelina Jolie e Brad Pitt

Per chi non la conoscesse, riassumiamo in poche righe la singolare storia dei figli di Angelina Jolie e Brad Pitt: il primogenito Chivan Maddox, di origini cambogiane, è stato adottato dalla Jolie nel 2002 all’età di un anno quando la star di Lara Croft era ancora sposata con il collega Billy Bob Thornton. Quando i due hanno divorziato, Angelina ha ottenuto la custodia esclusiva di Maddox.

Nel 2005 l’attrice ha poi adottato Zahara Marley, una bimba etiope di appena 6 mesi. All’inizio del 2006 Brad Pitt, fidanzatosi con Angelina Jolie da pochi mesi, ha chiesto e ottenuto di adottare legalmente i due figli della nuova compagna. Ai bambini è stato formalmente attribuito il cognome Jolie-Pitt.

Leggi anche: Shiloh Jolie-Pitt, la figlia ‘mascolina’ di Brad e Angelina non sta cambiando sesso

Il 27 maggio 2006 la Jolie ha partorito in Namibia la sua prima figlia naturale, avuta ovviamente da Brad. La bambina è stata chiamata Shiloh Nouvel. Nemmeno un anno più tardi la coppia ha adottato Pax Thien, un bambino vietnamita di 3 anni (che è quindi il secondogenito, se si segue l’ordine di età).

Infine (dovremmo essere arrivati a 6, se non abbiamo perso il conto), il 12 luglio 2008 sono nati a Nizza i gemellini Knox e Vivienne, uno maschietto e l’altra femminuccia. Tutti i bambini della coppia, adottati e naturali, portano il cognome Jolie-Pitt.