Maria Teresa Ruta: ‘Molestata da un importante dirigente Rai’

Una triste vicenda nel passato di Maria Teresa Ruta: 'Sono stata molestata nel suo ufficio da un importante dirigente Rai, è questo il motivo per cui sono sparita per tanti anni dalla TV'. Ma dopo la vittoria a Pechino Express con Patrizia Rossetti vuole tornarci in pianta stabile.

Pubblicato da Raffaele Dambra Giovedì 29 novembre 2018

Maria Teresa Ruta: ‘Molestata da un importante dirigente Rai’
Maria Teresa Ruta 'sorpresa' nel reparto arrivi dell'Aeroporto di Malpensa / Ansa.

Emerge una brutta vicenda nel passato di Maria Teresa Ruta: molestata nel 2004 da un importante dirigente della Rai, episodio che di fatto ha interrotto la sua carriera televisiva fino al recente exploit della vittoria a Pechino Express in coppia con Patrizia Rossetti. L’ha raccontato lei stessa a 14 anni di distanza, rivelando anche il motivo per cui non ha mai denunciato quel personaggio.

‘Volete sapere perché sono stata tanto tempo lontana dalla TV?’, ha spiegato al settimanale Spy, ‘Perché nel 2004 un dirigente della Rai mi ha convocata nel suo ufficio per discutere del rinnovo del contratto, ma è successa una cosa spiacevole e decisamente grave che mi ha spinta ad allontanarmi da quel mondo’.

‘Mi ha molestata non solo con le parole ma anche fisicamente’

Il proseguo del racconto di Maria Teresa Ruta è francamente allucinante: ‘Questa persona, che conoscevo da una vita, si è approcciato a me in una maniera assolutamente poco professionale e sbagliata. Non si è trattato solo di parole, ma anche di un approccio fisico pesante. Tutti sapevano della mia serietà e infatti mai mi era successa una cosa del genere. Figuriamoci in un ufficio aziendale…’.

Leggi anche: Maria Teresa Ruta, ‘Con Guenda e Gian Amedeo sono stata una madre assente’

‘Dopo il mio rifiuto non sono più stata confermata’

Maria Teresa Ruta, molestata del dirigente Rai, ha pagato caramente le conseguenze del suo rifiuto: ‘Gli ho chiesto che cosa stesse facendo e lui mi ha risposto in tutta tranquillità che voleva verificare se fossi effettivamente ‘una che non l’ha mai data a nessuno’, come si mormorava. Al che ho sbattuto la porta e me ne sono andata. Risultato? Il contratto non è stato rinnovato e non sono più stata ricontattata’.

‘Non l’ho denunciato perché ho pensato alla sua famiglia e ai suoi figli’

Questo squallido personaggio avrebbe meritato una bella denuncia per molestie (e uno sputtanamento senza pari a livello mediatico) ma la Ruta non se l’è sentita: ‘Non l’ho denunciato perché ho pensato alla sua famiglia e ai suoi figli: piuttosto che far soffrire loro, ho preferito soffrire io. Però sono rimasta al palo a 44 anni, quell’episodio mi ha incupita e non mi sono più riproposta. Ho deciso di non frequentare più i corridoi o gli ambienti televisivi’.

Leggi anche: Maria Teresa Ruta, ‘Mia figlia Guenda ha realizzato i miei sogni’

‘Pechino Express è stato liberatorio e mi ha ripagata di tutto’

Negli ultimi anni Maria Teresa Ruta ha preferito infatti dedicarsi al teatro lavorando con la figlia Guenda Goria, regista teatrale, ma la vittoria a Pechino Express ha risvegliato in lei la voglia di fare televisione: ‘Pechino Express è stato liberatorio e mi ha ripagata di tutto, posso finalmente dire che con la Rai ho pareggiato i conti. E adesso attendo l’offerta giusta per ripartire’.