Giucas Casella: ‘Da piccolo ipnotizzavo animali e in paese mi consideravano indemoniato’

Giucas Casella racconta la sua carriera iniziata quando era bambino. Il mentalista, in età infantile, ipnotizzava animali e in paese si mormorava fosse un indemoniato. A salvarlo dai pregiudizi è stato un sacerdote

Pubblicato da Chiara Podano Lunedì 19 novembre 2018

Giucas Casella: ‘Da piccolo ipnotizzavo animali e in paese mi consideravano indemoniato’
ansa/Giucas Casella durante la trasmissione di Raiuno 'Buon compleanno tv '

Giucas Casella è uno dei mentalisti e illusionisti più celebri della tv. La sua storia nel mondo dell’ipnosi è iniziata da bambino. Le prime ‘vittime’ di Casella sono stati gli animali e in paese era considerato come una sorta di piccolo stregone, un ‘indemoniato’.

In un’intervista rilasciata durante il programma radiofonico ‘L’Italia s’è desta’ per l’emittente dell’università Niccolò Cusano, Giucas Casella ha raccontato la sua carriera partendo da lontano: dall’infanzia. Il mentalista ha così svelato particolari inediti della sua vita privata.

Giucas Casella: ‘Da piccolo mi consideravano un indemoniato’

Una piccola caccia alle streghe quella vissuta da Giucas Casella in età infantile. La sua carriera di mentalista è iniziata da bambino e da subito Casella ha dovuto lottare con i pregiudizi degli abitanti del suo paese d’origine.

‘È una cosa innata fare il mentalista. Io sono siciliano, di Termini Imerese, vivendo in campagna, mi accorsi che addormentavo facilmente gli animali, cominciai con la vipera, poi con una gallina e si sparse subito la voce tra i miei compagni. Il paese mormorava che ero indemoniato’, ha spiegato il mentalista.

A dare una mano al piccolo Giucas Casella ci ha pensato la Chiesa. Un sacerdote è infatti intervenuto per difendere il giovane mentalista. ‘Il parroco mi fece fare lo spettacolino di Natale, per far capire che non praticavo la stregoneria’, ha ricordato Casella.

A portarlo in tv è stato Pippo Baudo 40 anni fa, galeotto fu uno speciale incontro con il celebre conduttore nel 1979. All’inizio Casella era scettico: ‘Non volevo fare la tv’, ha ammesso. Il mentalista lavorava sulle navi da crociera come ipnotizzatore, il suo impiego si è poi spostato sul piccolo schermo.

Tanti i vip che si sono lasciati ipnotizzare da Giucas Casella, ma c’è un noto personaggio della tv con cui ha fallito: Simona Ventura. ‘Per essere ipnotizzato devi collaborare almeno per 30 secondi, lei invece non ce la faceva, si spaventava o rideva’, ha raccontato il mentalista.

Casella ha rischiato grosso quando ha ipnotizzato Belen Rodríguez. ‘Ipnotizzava a me per quanto è bella’, ha ammesso. La fama del mentalista ha varcato i confini grazie a un particolare episodio. ‘In Germania ero ospite in una trasmissione, un ministro donna rimase ipnotizzato mentre mi guardava in tv, ne parlarono tutti, la Bild mi mise in copertina’, ha ricordato Giucas Casella.