Sanremo Giovani: Pippo Baudo e Fabio Rovazzi conducono il nuovo format

Arriva la conferma per Sanremo Giovani: Pippo Baudo e Fabio Rovazzi conducono il nuovo format voluto da Claudio Baglioni in onda il 20 e 21 dicembre 2018 in prima serata su Rai 1. I vincitori delle due serate saranno ammessi al Festival vero e proprio in programma a febbraio.

Pubblicato da Raffaele Dambra Lunedì 12 novembre 2018

Sanremo Giovani: Pippo Baudo e Fabio Rovazzi conducono il nuovo format
Nella combo da sinistra Fabio Rovazzi e Pippo Baudo / Ansa.

Per una volta i rumors della vigilia si sono rivelati esatti: a condurre il nuovo format di Sanremo Giovani saranno Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, la ‘strana coppia’ fortemente voluta dal direttore artistico Claudio Baglioni, che per la 69^ edizione del Festival della Canzone Italiana ha deciso di dividere la gara delle nuove proposte da quella dei big, riservando ai giovani uno spazio autonomo in due prime serate su Rai 1 poco prima di Natale.

Certo che Claudio Baglioni non poteva sceglierli più diversi: uno, Pippo Baudo, 82 anni e 13 Festival di Sanremo, è la memoria storica della kermesse canora. L’altro, Fabio Rovazzi, 24 anni e zero Sanremo, ha candidamente dichiarato che lui il Festival nemmeno lo seguiva…

Fabio Rovazzi non teme il confronto con Pippo Baudo

‘Non conoscevo personalmente Rovazzi’, ha spiegato Baudo a TV Sorrisi & Canzoni, ‘Anche se i miei nipoti me ne hanno parlato molto, ma ci conosceremo bene direttamente sul palco’. Fabio Rovazzi, dal canto suo, non teme il confronto con l’ultimo mostro sacro della televisione italiana: ‘So che il suo carisma conquista il 99% del palco, ma sono sicuro che insieme formeremo una bella coppia’.

‘Baudo e Rovazzi rappresentano la perfetta fusione fra tradizione e innovazione’

Ma il più contento di tutti è ovviamente Claudio Baglioni, che per il nuovo Sanremo Giovani è riuscito a portar dalla sua parte un duo di conduttori molto suggestivo: ‘Baudo e Rovazzi rappresentano la perfetta fusione fra tradizione e innovazione di questo Festival’. E sulla nuova formula della gara è sicuro che andrà benone: ‘Ho iniziato la mia carriera artistica che ero ancora minorenne e quindi so cosa significa essere giovani in questo ambiente. Per questo ho deciso di dedicare loro un vero Sanremo che porterà due dei partecipanti a gareggiare ad armi pari coi big’.

E vediamo in cosa consiste il nuovo format di Sanremo Giovani con Pippo Baudo e Fabio Rovazzi.

Luca Barbarossa condurrà gli appuntamenti pomeridiani di Sanremo Giovani

Sarà articolato in due prime serate, il 20 e 21 dicembre 2018 in diretta su Rai 1 dal Teatro del Casinò di Sanremo, e in quattro appuntamenti pomeridiani per presentare i 24 artisti finalisti, dal 17 al 20 dicembre sempre sul primo canale Rai. I vincitori di ciascuna prima serata (quindi 2 in totale) saranno direttamente ammessi alla gara dei big del Festival di Sanremo 2019 in programma a febbraio.

Pippo Baudo e Fabio Rovazzi presenteranno le due prime serate del 20 e del 21 dicembre, mentre i quattro appuntamenti in onda alle 17:45 vedranno al timone il cantante e conduttore radiofonico Luca Barbarossa, altro veterano del Festival. Sanremo Giovani sarà anche in radio con la diretta delle due serate a cura di Tamara Donà e Melissa Greta Marchetto, e la differita alle ore 20:00 dei quattro appuntamenti del pomeriggio.

69 cantanti si contendono i 24 posti di Sanremo Giovani

Intanto la commissione musicale presieduta dallo stesso Baglioni sta definendo la lista dei 24 nuovi talenti che parteciperanno a Sanremo Giovani. È già stata effettuata una prima scrematura che ha ridotto a 69 le quasi 700 domande inviate, ma l’elenco definitivo sarà svelato soltanto il 27 novembre dopo le audizioni finali e dopo aver ascoltato anche i vincitori del concorso Area Sanremo.