Biagio Antonacci accusato di plagio per il singolo ‘Mio fratello’

Il cantautore Biagio Antonacci accusato di plagio per il singolo 'Mio fratello': a chiamarlo in causa il musicista Lenny De Luca, autore del brano 'Sogno d'amore' scritto nel 2005, che ha riscontrato una 'palese coincidenza' nella melodia e nel ritornello delle due canzoni.

Pubblicato da Raffaele Dambra Lunedì 29 ottobre 2018

Biagio Antonacci accusato di plagio per il singolo ‘Mio fratello’
Biagio Antonacci canta al Festival di Sanremo 2015 / Ansa.

Grattacapi in arrivo per Biagio Antonacci, accusato di plagio dal musicista Lenny De Luca per il singolo ‘Mio fratello’, terzo estratto dall’album ‘Dediche e Manie’ del cantautore milanese, pubblicato nel 2017. De Luca ha riscontrato una ‘palese coincidenza’ nella melodia e nel ritornello del brano di Antonacci con la sua canzone ‘Sogno d’amore’, depositata alla Siae più di dieci anni fa, e ha già inviato una lettera di diffida alla casa discografica di Biagio (Iris Srl) per chiedere il riconoscimento dei diritti d’autore. In caso di (probabile) risposta contraria è pronto a intentare una causa civile per plagio.

Commentando la sua richiesta, Lenny De Luca ha spiegato di aver scritto il brano ‘Sogno d’amore’ nel 2005 e di aver successivamente stipulato un contratto in esclusiva con la società ViaMeda Edizioni Musicali di Eros Ramazzotti, depositando di nuovo il pezzo nel 2012. ‘Dopo un’attenta comparazione tra il mio brano e quello di Biagio Antonacci ho riscontrato la palese coincidenza di ben 8 battute e in particolare del ritornello’, ha dichiarato De Luca.

Lenny De Luca pronto a intentare una causa civile per plagio

Nella diffida del musicista si cita inoltre una circostanza molto curiosa, per non dire sospetta: tra i produttori del singolo ‘Mio Fratello’ di Biagio Antonacci c’è anche Fabrizio Ferraguzzo, che nel 2015 ha collaborato con l’etichetta di Ramazzotti. Guarda caso la stessa etichetta a cui De Luca aveva affidato il suo brano ‘Sogno d’amore’…

Leggi anche: Biagio Antonacci si sposa? Il cantante smentisce: ‘Che invenzione malsana il gossip’

Ovviamente noi non abbiamo i mezzi per avvalorare o per confutare le pretese di Lenny De Luca, anche perché la sua canzone non è disponibile per l’ascolto. Ma il musicista ha deciso di andare fino in fondo, e, come detto, se l’etichetta di Biagio Antonacci non gli riconoscerà il copyright sul brano nonostante la diffida, procederà a depositare un atto di citazione in sede civile.

‘Il plagio di una composizione musicale può riguardare anche una parte della composizione stessa’

A questo proposito il legale di De Luca ha citato a favore del suo assistito una sentenza della Cassazione, secondo cui ‘il plagio di una composizione musicale può riguardare anche una parte della composizione stessa. Anche un motivo non del tutto banale presente nel ritornello d’una canzone può formare oggetto di plagio quando si stato ripreso con particolare insistenza e risalto’.

Leggi anche: Biagio Antonacci fa l’autostop, il video del cantante diventa virale

Vedremo come finirà questa storia che vede Biagio Antonacci accusato di plagio, può succedere di tutto.