Lele Mora a Fabrizio Corona: ‘Poverello, cerca di lavorare onestamente’

La dura replica di Lele Mora a Fabrizio Corona: 'Poverello, cerca di lavorare onestamente e torna da Don Mazzi, se ancora ti vuole'. In una recente intervista in TV Corona l'aveva definito una specie di burattino nelle sue mani

Pubblicato da Raffaele Dambra Mercoledì 10 ottobre 2018

Lele Mora a Fabrizio Corona: ‘Poverello, cerca di lavorare onestamente’
Lele Mora nel 2014 durante l''appello del processo Ruby 2 / Ansa.

Un tempo ‘amici’ per la pelle, dopo le reciproche disavventure, giudiziarie e non, Lele Mora e Fabrizio Corona hanno interrotto tutti i rapporti e, non appena capita l’occasione, si punzecchiano a distanza lanciandosi accuse e illazioni che riguardano il periodo in cui ‘dominavano’ in Italia il sottobosco del gossip (per una decina d’anni, all’incirca dal ’98 al 2008). Di recente, per esempio, Corona in TV ne ha dette di tutti i colori su Lele Mora, presentandolo come una specie di burattino nelle sue mani, e a distanza di pochi giorni è giunta l’inevitabile risposta del manager dei vip.

La ‘sparata’ di Fabrizio Corona su Lele Mora è avvenuta durante l’ultima puntata de La Confessione, il programma di Peter Gomez che va in onda su Nove TV. ‘Io Lele non l’ho mai ammirato’, ha detto Corona a proposito dell’ex amico e socio, ‘Perché è stato il mago di questo lavoro attraverso rapporti di pubbliche relazioni, ma se lui fosse stato strutturalmente costruito per fare l’imprenditore di quel mestiere, sarebbe potuto diventare veramente l’uomo più importante d’Italia, e invece non è stato così’.

Leggi anche: Fabrizio Corona confessa, ‘Penso di finire presto ammazzato’

Fabrizio Corona: ‘Lele Mora? Mai avuto rapporti sessuali con lui’

Insomma, per l’ex Re dei paparazzi Lele Mora ha la ‘grave’ colpa di non aver sfruttato appieno il suo potere per manifeste incapacità manageriali e… intellettuali: ‘All’epoca aveva le mani in pasta ovunque, noi la stampa la governavamo. Ma non era Mora a dare i titoli ai giornali, glieli davo io, Lele non aveva la capacità intellettuale e imprenditoriale di fare questo. Preciso inoltre che non abbiamo mai avuto un rapporto di tipo sessuale, lui mi definisce il più grande amore della sua vita perché sono stato l’unico a dirgli di no’.

Lele Mora: ‘Caro Fabrizio, neppure le Onlus vogliono i tuoi soldi’

Parole che ovviamente meritavano una risposta da parte di Lele Mora, che è giunta a stretto giro di posta tramite una lettera aperta inviata alle agenzie di stampa. E l’anziano manager non le ha mandate a dire: ‘Caro Fabrizio, neppure le Onlus accettano le tue donazioni: soldi poco chiari, che non sai neppure da dove arrivino (fa riferimento alla vicenda della presunta donazione al Telefono Rosa che l’associazione per la difesa delle donne avrebbe rifiutato, ndr)’.

Leggi anche: Fabrizio Corona, Tapiro per il rifiuto della sua donazione benefica: ‘E’ una fake news’

‘Cerca finalmente di lavorare onestamente’

Poi l’affondo decisivo: ‘Poverello, i prossimi denari mettili in banca e non nel soffitto. Perché, se sei così onesto, dovresti nasconderli nel soffitto? E cerca finalmente di lavorare onestamente senza impadronirti di meriti che non ti appartengono. Chi ti scrive è il ‘burattino’ che tutti i giorni ha dovuto sostenerti, fino al punto che sei riuscito, come tuo solito, a mandare tutti nei guai. Un suggerimento? Torna da Don Mazzi che è la cosa migliore che puoi fare… chiaramente se lui ti accoglierà ancora’.

Qualcosa ci dice che tra Lele Mora e Fabrizio Corona non sia finita qui…