Ylenia Carrisi è viva? Un testimone dice di averla vista, ma non ha prove

Scoop dagli USA: Ylenia Carrisi è viva? Un indizio alimenta la speranza circa la sorte della figlia di Al Bano e Romina, ma il testimone americano che racconta di averla vista non ha prove. E il cantante pugliese torna a chiedere rispetto per la sua famiglia.

Pubblicato da Raffaele Dambra Giovedì 27 settembre 2018

Ylenia Carrisi è viva? Un testimone dice di averla vista, ma non ha prove
Ylenia Carrisi con il padre Al Bano in un’immagine di repertorio risalente ai primissimi anni ’90. / Ansa

È una domanda che ricorre da quasi 25 anni: Ylenia Carrisi è viva o morta? Sulla misteriosa scomparsa della figlia di Al Bano e Romina Power si è già detto e scritto tutto e il contrario di tutto, ed è intervenuta anche la legge che con sentenza del Tribunale di Brindisi ha dichiarato nel 2014 la morte presunta della ragazza. Eppure ogni tanto escono nuove voci sul destino di Ylenia e le ultime le ha raccolte la popolare trasmissione Chi l’ha visto?, che nella scorsa puntata ha persino pubblicato un identikit della primogenita di Al Bano e Romina, mostrando come sarebbe ora a 48 anni.

A sostenere con forza l’ipotesi che Ylenia Carrisi sia ancora viva è intervenuto un uomo, un americano di nome Marck Beck, che ha rivelato (senza però portare alcuna prova a sostegno del suo racconto) di essere la persona che, per ultima, avrebbe visto la giovane poco dopo la scomparsa: ‘Certo che Ylenia è viva, io l’ho vista. Era seduta al bar Rossella O’Hara di Saint Augustine, in Florida, insieme a un uomo di colore che si chiamava Chet. Io le ho detto subito che a New Orleans la stavano cercando dappertutto, anzi, ho chiamato Romina Power per assicurarle che Ylenia era viva, stava bene’.

Beck ha poi aggiunto ulteriori particolari, confermando di aver scambiato qualche parola con Ylenia, e che quest’ultima gli avrebbe addirittura assegnato un compito particolare (qui la storia, secondo noi, inizia a farsi inverosimile): ‘Mi ha chiesto di tornare a New Orleans per recuperare il suo passaporto che aveva lasciato all’hotel. Poi dopo un anno l’ho rivista a Londra, poco prima di Natale: l’ho fermata e le ho ripetuto se i suoi genitori fossero al corrente di questi suoi spostamenti. Mi ha assicurato di sì, dicendomi che dovevo stare tranquillo. Solo che non sarebbe più ritornata a Cellino San Marco’.

Che dire, mettiamo agli atti questa ennesima testimonianza sulla sorte di Ylenia Carrisi ma restiamo scettici. E anche Al Bano, interpellato per commentare le parole di Marck Beck, ha chiesto per l’ennesima rispetto per i suoi figli e per una tragedia il cui dolore è sempre presente. Visibilmente seccato, il cantante pugliese non ha voluto aggiungere altro.