Nadia Toffa vs i ‘webeti’: ‘Fatevi un giro negli ospedali, la vita continua nonostante la malattia’

La pubblicazione del libro di Nadia Toffa sul cancro che l'ha colpita ha scatenato una serie di reazioni inspettate nei confronti della conduttrice. Subissata da insulti e commenti di disprezzo, quindi, la 'iena' ha usato ancora una volta il web per replicare a chi l'ha accusata ingiustamente e chiarire, una volta per tutte, il suo pensiero.

Pubblicato da Luana Rosato Mercoledì 26 settembre 2018

Dopo il libro pubblicato da Nadia Toffa sulla malattia che sta affrontando, molti internauti si sono scagliati contro la conduttrice accusandola di sostenere che il ‘tumore sia un dono’ e che si possa guarire anche semplicemente con un atteggiamento positivo. Questa volta, però, la Toffa ha deciso di replicare a tutti.

Con un lungo post pubblicato sulle sue pagine social, Nadia si è rivolta ai ‘webeti’ che negli ultimi giorni l’hanno subissata di accuse e commenti dispregiativi e, proprio a loro, ha voluto fare delle domande precise chiarendo, per l’ultima volta, il suo punto di vista. ‘Non ho mai sostenuto di essere fortunata ad avere il cancro. Sono pazza secondo voi?!’ – ha esclamato la conduttrice de Le Iene – ‘Probabilmente chi non capisce e ride, per fortuna sua non è mai entrato in un reparto di oncologia pediatrica’.

Leggi anche: Nadia Toffa: ‘Ho trasformato il cancro in un dono’. Ma il web insorge: ‘Non dire idiozie’

Nadia Toffa: ‘I bambini sorridono perché hanno spirito di sopravvivenza’

Prendendo come esempio l’atteggiamento dei bambini malati, dunque, Nadia Toffa ha spiegato i motivi di alcune sue dichiarazioni in merito al cancro.

‘I bambini sorridono perché hanno spirito di sopravvivenza e sanno che la vita continua nonostante la malattia’ – ha tuonato la conduttrice, ricordando a tutti che anche i genitori di quei piccoli, pur soffrendo, portando ai figli ogni giorno un po’ di allegria.

‘Sono scemi? O si sono trovati in quella situazione e cercano di sopravvivere?!’ – ha continuato – ‘Chiedetevelo davvero! Il cancro è un dono per loro? Avessero potuto scegliere cosa avrebbero deciso per i loro figli? Quel destino infame? Ne sono felici? O provano solo a essere sereni per dare coraggio ai loro piccoli?’.

Sono queste le domande che Nadia Toffa ha rivolto ai ‘webeti’ e con le quali ha cercato di far capire loro cosa significhi considerare il cancro un dono o, meglio, un modo per affrontare diversamente la vita.

Ribadendo, ancora una volta, che la medicina e le cure siano l’unico modo per guarire dal tumore, la ‘iena’ ha sottolineato anche come l’atteggiamento positivo sia anche di aiuto in determinate situazioni.

‘Dunque, imparate a non giudicare e fatevi un giro negli ospedali o a casa dei malati oncologici’ – ha proseguito – ‘Non c’è un funerale in corso, perché le persone sono ancora vive e sono felici di esserlo e così le persone che li assistono ovviamente, con dolore e strazio ma con resilienza’.

E, quell’atteggiamento positivo nei confronti di quanto sta succedendo, per Nadia Toffa è solo la ‘vita che continua a scorrere nelle vene’ e, criticare chi affronta in questo modo il tumore è ‘molto superficiale e mediocre’.

Leggi anche: Nadia Toffa senza parrucca: ‘Sono qui, viva e sempre col sorriso’

Nadia Toffa: ‘Sbaglio ad avere ancora fiducia nell’essere umano’

Rammaricata per quanto accaduto nelle ultime ore, dunque, Nadia Toffa ha rivolto l’ultimo rimprovero ai ‘webeti’: ‘Provate a ridere ancora?!?!? Potreste riuscirci. illuminateci con i vostri profondi commenti […] L’immondizia della rete riesce sempre a stupirmi’.

‘[…]Forse sono io che sbaglio ad avere ancora fiducia nell’essere umano’ – ha concluso – ‘E a credere che esista ancora il sentimento della pietà. La pietas col significato alla latina cioè un sentimento che induce amore, compassione e rispetto per le altre persone’.

‘Che delusione mi viene a volte eppure non mi abbatto e combatto’ – ha detto, sperando che almeno questa volta il popolo del web possa comprendere.

Gli webeti proprio perché ebeti continuano a ridere della parola dono. Non ho mai sostenuto di essere fortunata ad...

Pubblicato da Nadia Toffa su Martedì 25 settembre 2018