Tiberio Timperi: ‘Il fuori onda della Fialdini un disfemismo. Emilio Fede? Mi mise i bastoni tra le ruote’

Tiberio Timperi traccia il lungo percorso della sua esperienza in televisione: dalla nuova avventura al timone de La Vita in diretta con Francesca Fialdini fino al periodo più buio su Rete 4. E, a chi ha puntato il dito contro la collega per il noto fuori onda, Timperi ricorda che il tutto andrebbe contestualizzato.

Pubblicato da Luana Rosato Lunedì 24 settembre 2018

Tiberio Timperi: ‘Il fuori onda della Fialdini un disfemismo. Emilio Fede? Mi mise i bastoni tra le ruote’
Ansa – Tiberio Timperi alla presentazione dei palinsesti Rai nel 2017 / Ansa

Tiberio Timperi passa in rassegna tutta la carriera televisiva partendo dalla nuova avventura su Rai 1 accanto a Francesca Fialdini fino al ricordo del ‘momento più buio’ su Rete 4 con Emilio Fede nei primi anni Novanta, quando visse uno dei periodi più amari della sua professione di giornalista.

Il ritorno alla conduzione di un programma quotidiano come La Vita in diretta ha permesso a Tiberio Timperi di ritrovare un’ottima collega come Francesca Fialdini con la quale aveva già presentato Uno Mattina in famiglia cinque anni fa. ‘Una grande fatica’ – così Timperi ha definito in un’intervista al Corriere della Sera il contenitore di Rai 1, consapevole di quanto una trasmissione che va in onda tutti i giorni in diretta richieda massima attenzione. ‘Cerco di essere attento, preciso, pignolo e mai banale’ – ha detto il conduttore, conscio di come il successo, in alcuni casi, possa non essere immediato.

Leggi anche: Tiberio Timperi debutto con gaffe a La vita in diretta e piovono critiche: ‘Spocchioso e sgarbato’

Tiberio Timperi: ‘Dio perdona, i social no’

La Vita in Diretta resta, comunque, ‘una sfida lunga 180 puntate’ contro Canale 5 e Tiberio Timperi ricorda che ‘il campionato è appena iniziato’.

Proprio per questo motivo, lui e Francesca Fialdini continueranno a concentrarsi in modo professionale e perfezionista, nonostante qualche scivolone.

Ultimo fra tutti il fuori onda della conduttrice di Rai 1 che ha fatto il giro del web facendo passare la Fialdini come un personaggio spocchioso.

‘Il problema è che il fuori onda di Francesca è stato estrapolato senza contestualizzarlo’ – ha spiegato Timperi – ‘Era detto con il sorriso, con l’esagerazione tra persone in confidenza’.

‘Un classico caso di disfemismo’ – ha continuato – ‘Ovvero quando si sostituisce una parola con un’altra sgradevole, che però nel contesto acquisisce un altro valore’.

Leggi anche: Francesca Fialdini sbotta a La Vita in diretta: ‘Questo copione fa schifo’

Timperi, infatti, ha spiegato che in determinate situazioni contano ‘il sorriso, la smorfia del volto’, e ha ricordato che ‘sbagliamo tutti, nessuno è perfetto, ma in Rete non c’è il diritto all’oblio’.

Lo sa bene lui che fu protagonista di una bestemmia fuori onda durante Uno Mattina in Famiglia per la quale continua a pagare un caro prezzo: ‘Mi crocifiggono ancora per questo. Ho sbagliato, ho pagato, ho chiesto scusa’ – ha detto – ‘Per quanto ancora dovrò essere flagellato? Dio perdona, i social no’.

Leggi anche: Tiberio Timperi: la bestemmia in TV costa 25 mila euro alla Rai

Tiberio Timperi: ‘A Telemontecarlo eravamo liberi’

Pur consapevole di quanto ‘fare tv oggi sia più difficile di un tempo perché bisogna tenere conto anche di chi tiene conto dei social’, Timperi continua ad essere entusiasta della sua professione.

Felice di aver ritrovato come partner Francesca Fialdini – ‘l’antica alchimia non si è persa’ – ha ricordato anche le belle esperienze accanto a Roberta Capua e Ingrid Muccitelli – ‘Siamo stati come fratello e sorella, sempre scherzosi e ironici’.

Tornando indietro nel tempo, poi, Timperi ha spiegato come l’assunzione a Telemontecarlo abbia rappresentato forse il suo momento più felice.

‘Quando mi hanno assunto a TeleMontecarlo è stato il (momento, ndr) più bello, ma l’ho capito dopo’ – ha detto – ‘È sempre così, la felicità la vivi in differita, il dolore lo provi in diretta. Eravamo liberi e quanto lo fossimo l’ho capito dopo’.

Il periodo più buio resta, invece, quello a Rete 4: ‘Emilio Fede mi aveva scelto ma poi iniziò a mettermi i bastoni tra le ruote, come se fosse geloso del mio modesto successo’ – ha rivelato, spiegando che ‘le persone di esperienza si dividono in due categorie: chi ti aiuta a crescere e chi cerca di affossarti’.

‘Più avanti con Fede ci siamo riconciliati, ma intanto rimasi 9 mesi senza fare servizi per il Tg4’ – ha concluso.