Pechino Express 2018, Eleonora Brigliadori: ‘Farò vertenza per ingiusta esclusione’

Dopo l'esclusione dal cast di Pechino Express 2018 per le dichiarazioni contro Nadia Toffa, Eleonora Brigliadori torna a scagliarsi contro il docu-reality di Rai 2. Poche ore prima della messa in onda della nuova edizione, l'attrice ha lanciato un comunicato stampa via Facebook in cui dichiara di voler fare vertenza a Rai e Magnolia per 'ingiusta esclusione'

Pubblicato da Luana Rosato Venerdì 21 settembre 2018

Pechino Express 2018, Eleonora Brigliadori: ‘Farò vertenza per ingiusta esclusione’
Facebook – Eleonora Brigliadori, primo piano sui social / Facebook

L’edizione 2018 di Pechino Express è appena iniziata e, poco prima della messa in onda della puntata d’esordio, Eleonora Brigliadori è intervenuta sui social annunciando di voler fare vertenza alla Rai e a Magnolia per ingiusta esclusione dal docu-reality di Rai 2.

Com’è noto, Eleonora Brigliadori – che oggi si fa chiamare con il nome d’arte spirituale Aron Noel – era una delle concorrenti del cast di Pechino Express 2018 insieme al figlio, Gabriele Gilbo. Le dichiarazioni dell’attrice in merito al cancro che aveva colpito Nadia Toffa, però, spinsero la Rai a prendere una decisione drastica e, dopo innumerevoli denunce da parte degli internauti, si decise di eliminare la Brigliadori e il figlio dal reality show condotto da Costantino della Gherardesca.

Leggi anche: Pechino Express 2018, Eleonora Brigliadori fuori dal cast: ‘Dichiarazioni incompatibili’, la decisione della RAI

Eleonora Brigliadori, il comunicato stampa su Facebook

Nel corso dei mesi che hanno preceduto la messa in onda di Pechino Express 2018, Eleonora Brigliadori ha continuato a sostenere di essere stata ingiustamente estromessa dal cast del programma, accusando le cause farmaceutiche di aver spinto la Rai a prendere tale decisione.

Così, poche ore prima della messa in onda della prima puntata del docu-reality di Rai 2, l’attrice è tornata su Facebook per rivendicare i suoi diritti.

‘In occasione della messa in onda della prima puntata del programma Pechino Express ho dato incarico, allo Studio dell’Avv. Lo Foco, di depositare la vertenza giudiziaria contro Magnolia e RAI’ – ha scritto la Brigliadori, che ha scelto di procedere per vie legali per ‘l’ingiusta esclusione, mia e di mio figlio Gabriele, dal programma stesso’.

L’attrice, quindi, si firma con il suo nome e cognome, precisando di essere ‘iscritta all’ufficio di collocamento lavoratori dello spettacolo e scritturata dal programma stesso con il nome Artistico Spirituale
Aron Noel’.

Leggi anche: Eleonora Brigliadori: ‘Esclusa da Pechino Express per colpa delle case farmaceutiche’

Eleonora Brigliadori: ‘Ecco le vere cause dell’esclusione dal programma’

Riprendendo, poi, un’intervista rilasciata da Costantino della Gherardesca a Corriere Tv, Eleonora Brigliadori mette in evidenza come le parole del conduttore di Pechino Express 2018 lascino intendere quali siano i reali motivi della sua eliminazione dal programma.

‘[…] Faccio notare come, il conduttore, eviti tassativamente di rispondere alla domanda della giornalista’ – si legge sul profilo Facebook della Brigliadori – ‘E involontariamente e nel più totale imbarazzo, confessi indirettamente con la sua affermazione di essere sostenitore dei vaccini’.

Per l’attrice, infatti, continuano ad essere le sue teorie sui vaccini la reale causa dell’esclusione dal programma.