Morto Goran Kuzminac, il cantautore aveva collaborato con Ron e Ivan Graziani

Goran Kuzminac aveva 65 anni. Il cantautore è morto oggi, 18 settembre 2018. Aveva collaborato con Ron e Ivan Graziani e vinto il Festival di Castrocaro nel 1975. Laureato in medicina si era specializzato in musicoterapia

Pubblicato da Chiara Podano Martedì 18 settembre 2018

Morto Goran Kuzminac, il cantautore aveva collaborato con Ron e Ivan Graziani
Goran Kuzminac, foto dal suo account facebook / facebook

Goran Kuzminac, il cantautore medico di origini serbe è morto all’età di 65 anni. Aveva collaborato con Ron e Ivan Graziani. Trentino di adozione, Kuzminac aveva vinto il Festival di Castrocaro nel 1975. La RCA lo mise sotto contratto dopo che Francesco De Gregori lo aveva presentato ai manager della casa discografica.

Goran Kuzminac viveva in Abruzzo, terra che amava. Nato a Zemun, Belgrado, si trasferì in Trentino all’età di 6 anni, poi in Austria e in fine in di nuovo in Italia. A ricordare il collega con un pensiero e un commosso messaggio su facebook è lo stesso Ron: ‘Ciao fratellone mio’.

Goran Kuzminac, il medico cantautore è morto all’età di 65 anni

Laureato in medicina a Padova, Kusminac era specializzato in musicoterapia. La sua storia musicale iniziò negli anni Settanta, di lì a poco l’artista incominciò a farsi conoscere anche grazie al fingerpicking, una tecnica usata per chitarra classica, folk ed elettrica che lo ha reso celebre e unico nel suo genere.

Gli anni Settanta sono stati d’oro per Kusminac. L’artista era entrato nell’entourage di Angelo Branduardi, Lucio Dalla e Antonello Venditti, ma il successo arrivò nel 1975 con la canzone, ‘Stasera l’aria è fresca’ che vinse non solo il Festival di Castrocaro, ma conquistò anche il secondo posto alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia.

Ciao Goran fratellone mio...Ron

Pubblicato da RON - Rosalino Cellamare su Martedì 18 settembre 2018

Fu proprio ‘Staseria l’aria è fresca’ a regalargli la svolta e il primo album che arrivò nel 1980: ‘Ehi ci stai’ anche se Kusminac era già stato protagonista di opere collettive.

Ron e Ivan Graziani lo vollero tra gli artisti del ‘Q concert’ dove erano presenti tre brani tra cui l’inedito collettivo: ‘Canzone senza inganni’.
Autore per i Nomadi, chitarrista per Rodolfo Santandrea, Kusminac amava la musica che aveva approfondito e studiato anche durante il suo percorso universitario.

Di Kusminac si è sentito parlare anche al cinema, l’artista è stato autore di colonne sonore per film fuori dall’Italia. Tra le sue collaborazioni più recenti anche un album nel 2011: ‘Solo ma non solo’, il primo dell’artista ad avere un dvd con live dal vivo. Il cantautore non si è certo fermato perché nel 2012 è uscito ‘Fiato’ e nel 2014: ‘Goran Kuzminac & Stefano Raffaelli Jazz Quartet’ unico caso in cui non suonava la chitarra.

‘Credo che morirò a 140 anni cadendo da cavallo, o per un incidente, perché non posso morire prima di aver imparato un sacco di altre cose’, aveva dichiarato il cantautore in un’intervista rilasciata a ‘La Voce del Trentino’ nel 2016.