Paola Perego, nuova bufera sulla conduttrice: ‘Gli asessuali? Sono malati’

Paola Perego e Laura Campiglio hanno dedicato una puntata del programma radiofonico 'Al posto del cuore', al tema degli asessuali. I toni del dibattito hanno suscitato l'indignazione di una fetta di pubblico. Le conduttrici hanno spesso definito gli asessuali come 'malati' e 'persone strane' urtando la sensibilità di alcuni ascoltatori

Pubblicato da Chiara Podano Martedì 7 agosto 2018

Paola Perego protagonista di una nuova polemica. Scoppia un’altra bufera sulla conduttrice della Rai. Questa volta a suscitare l’indignazione sono alcune esternazioni della Perego sugli asessuali durante una puntata della trasmissione radiofonica ‘Al posto del cuore’, andata in onda il 4 agosto 2018 su Radio 2.

Dopo le polemiche sollevate per la lista su ‘I motivi per scegliere una donna dell’est’ a ‘Parliamone sabato’ che hanno portato alla chiusura del programma condotto da Paola Perego nel 2017 e il suo allontanamento dal piccolo schermo per un breve periodo, scoppia una nuova bufera sulla conduttrice.

Paola Perego e la polemica per le frasi sugli asessuali

La comunità asessuale italiana, parte integrante di molte associazioni LGBT è furiosa per le frasi dette da Paola Perego e da Laura Campiglio durante il programma radiofonico ‘Al posto del cuore’.

Le due conduttrici hanno infatti dedicato la puntata al tema degli ‘asessuali’, i toni con cui è stato condotto il dibattito ha urtato la sensibilità di una parte del pubblico.

‘Gli asessuali? Chi sono, quelli che nonostante l’estate, il caldo, la vacanza non battono chiodo?’, dichiara la Perego in apertura. ‘Peggio, molto peggio!’, risponde Laura Campiglio.

Leggi anche: La RAI chiude Parliamone Sabato dopo il caso Perego-donne dell’est

Le due conduttrici poi forniscono una definizione del termine ‘asessuale’. ‘Non sono interessate al sesso, lo hanno completamente estromesso dalla loro vita e rivendicano questa cosa come forse scelta di vita, ma dove andremo a finire ti rendi conto?’.

Durante il dibattito poi tirano in ballo anche qualche stereotipo. ‘Cioè la loro religione non gli permette di fare sesso? Ma ci sono anche uomini, cioè genere maschile?’, incalza la Perego.

‘Purtroppo sì, uno su cento è così, sono malati, è un morbo diffusissimo. Un fenomeno diffusissimo rimasto sottotraccia. Sono persone strane, rivendicano questa scelta senza vergogna’, è la sentenza della Campiglio.

Durante lo show radiofonico le due conduttrici definiscono più volte gli asessuali come ‘persone strane’, ‘malate’, per poi concludere con una dichiarazione della Perego: ‘Però c’è un lato positivo, sicuramente non si riproducono, quindi sono una categoria in via d’estinzione’.

Laura Campiglio e Paola Perego volevano essere ironiche? La strategia non è stata delle migliori e il sarcasmo è difficile da cogliere. Immediata la risposta di Francesco Donini, presidente di Arcigay Modena, che dichiara: ‘Complimenti vivissimi per la puntata di ‘Al posto del cuore’ del 04/08/2018. Le due conduttrici non si sono fatte mancare nulla nel commentare una comunità come quella delle persone Asex. Con tanto di chiusura in cui si augura loro l’estinzione. Si tratta di persone. Amo la vostra radio. O meglio la amavo. Vergognatevi, voi e loro’.