Riki Marcuzzo si scaglia contro il sud Italia e la polizia per il merchandising abusivo

Il cantante Riki Marcuzzo su Instagram critica il sud Italia e la polizia per il merchandising abusivo in vendita durante il suo concerto in Sicilia a scapito di quello ufficiale. Alcuni fan reagiscono e lui fa dietrofront: ''Taormina è uno dei posti più belli del mondo'.

Pubblicato da Raffaele Dambra Venerdì 20 luglio 2018

Riki Marcuzzo si scaglia contro il sud Italia e la polizia per il merchandising abusivo
Primo piano di Riccardo ‘Riki’ Marcuzzo in un’immagine tratta dal suo profilo ufficiale su Facebook. / Facebook

Tutti sanno che l’Italia è, purtroppo, la patria del merchandising ‘tarocco’: se n’è accorto alla buon’ora anche Riccardo ‘Riki’ Marcuzzo, scagliatosi su Instagram contro i venditori abusivi che, secondo la sua versione, gli avrebbero addirittura impedito di esporre i gadget ufficiali all’esterno del Teatro Antico di Taormina, dov’era in programma un suo concerto, e persino contro le Forze dell’ordine, che a suo dire non sarebbero intervenute e anzi avrebbero in qualche modo agevolato la rivendita di materiale contraffatto. ‘Anche questo è sud Italia’, ha chiosato il cantante di Segrate.

‘Oggi non ci permettono di mettere il nostro merchandising’, si è sfogato Riki Marcuzzo in una story su Instagram a poche ore dallo show di Taormina, ‘Gli abusivi hanno scritto ‘Merchandising Ufficiale’ vendendo roba di mer*a. Non comprate nulla, purtroppo anche questo è il sud Italia’. Ovviamente il riferimento finale al meridione, scritto quasi certamente in buona fede, ha scatenato la reazione di alcuni fan di Riki, che è stato costretto a fare dietrofront precisando che ‘Taormina è uno dei posti più belli del mondo’ dove da piccolo ci trascorreva le vacanze con la famiglia. Salvato in corner…

La polemica però non è finita qui, perché poco dopo Riki se l’è presa anche con le Forze dell’ordine (che non è mai una buona idea), colpevoli secondo lui di non aver fatto nulla contro i venditori abusivi: rispondendo infatti alla domanda di un fan che gli chiedeva perché non avesse chiamato la polizia (invece di lamentarsi sui social), il cantante di Amici ha risposto muovendo un’accusa gravissima, scrivendo testualmente che ‘Se si chiama la polizia o la guardia di finanza vanno via e poi gli abusivi ritornano. O peggio a volte la polizia sta lì con loro ad aiutarli’. Boom!

Il concerto di Riki a Taormina si è poi svolto nella massima tranquillità ed è stato un grande successo. Intanto nelle sue stories i messaggi polemici contro il sud Italia e le Forze dell’ordine sono spariti, essendo trascorse più di 24 ore dalla loro pubblicazione, ma gli screenshot restano (grazie Bitchyf.it) e chissà se l’artista lombardo sarà prima o poi chiamato a risponderne…

riki instagram

La tournée estiva di Riccardo ‘Riki’ Marcuzzo, il cantante lanciato dalla sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi in cui è arrivato secondo, prosegue nei prossimi giorni con le date di Lecce, Trani, Soverato, Marina di Castagneto e Cervia. A giugno è uscito il suo primo album dal vivo intitolato ‘Live & Summer Mania’.