Raffaella Carrà confessa: ‘Sposarmi? Non ci ho mai pensato né ci penso adesso’

Raffaella Carrà rivela perché non è mai andata all'altare e racconta i sue due grandi ex amori: i registi Gianni Boncompagni e Sergio Japino. La showgirl ha deciso di rimanere single e dichiara: 'L'amore non ha bisogno di documenti'

Pubblicato da Chiara Podano Lunedì 16 luglio 2018

Raffaella Carrà ospite degli incontri di Paolo Mieli organizzati dal gruppo ‘Hdrà’ al Palazzo Collicola di Spoleto si racconta, dalla sua vita di infanzia fino alla carriera nel mondo della tv. La mitica showgirl parla anche del suo privato, delle sue storie passate e celebri con Boncompagni e Japino e della scelta, finale, di restare per sempre single.

Come riportato dall’Huffington Post, Raffaella Carrà non è mai convolata a nozze, né a quanto pare vorrebbe farlo. La showgirl ha avuto relazioni importanti con Gianni Boncompagni e il regista Sergio Japino. Di entrambi, la Carrà parla con immenso affetto.

Raffaella Carrà: ‘Voglio restare single’

‘Sposarmi? Non ci ho mai pensato né ci penso adesso. Me lo chiedono in tanti, ma io voglio restare single perché l’amore non ha bisogno di documenti’, è questa la scelta definitiva di Raffaella Carrà eppure, la showgirl confessa che quando si innamora è capace di fare follie perché ammette: ‘Non ho barriere e perdo la testa’.

In passato la Carrà ha avuto una storia importante con Gianni Boncompagni. ‘Ci conoscemmo ad un provino davanti ad un tavolo con un’abat-jour, ma passò un anno prima che ci mettessimo insieme. Avevo bisogno di un uomo più grande di me che mi desse la figura maschile che nel mio immaginario era l’incubo del playboy’, dichiara. ‘L’incubo del playboy’ di cui parla Raffa è il suo papà, un uomo assente che ‘amava godersi la vita’.

Raffaella ha infatti dichiarato spesso di essere cresciuta con due donne, la mamma e la nonna. Con il regista scomparso il 16 aprile 2017, la Carrà non ha mai sentito l’esigenza di avere dei figli. ‘Gianni ne aveva già tre, ma non mi sono mai messa dalla parte della madre, pur essendo molto legata a loro, soprattutto a Barby (Barbara Boncompagni, ndr), così come lo sono con i due figli di mio fratello’, ammette.

Non solo Boncompagni nella vita della Carrà, ma anche un altro grande regista: Sergio Japino. ‘Con lui c’è stato un ritorno ad una cosa più giovane, ma a differenza di Gianni che era già affermato, Sergio era il principe consorte e di questo un po’ ne soffriva. Faceva l’assistente di Gino Landi e io ero già la Carrà, ma sapevo che valeva e che prima o poi, come accadde, si sarebbe affermato anche lui’, racconta

Dei suoi due grandi amori, Raffaella ricorda la gelosia, ma anche di essersi sempre sentita libera e ‘senza sovrastrutture’.

Raffaella Carrà parla di Asia Argento

La grande showgirl della tv italiana ricorda di essersi affermata da sola e di non aver subito ricatti o pressioni. A tal proposito, sulla campagna ‘#MeeToo’ e sull’attrice Asia Argento, Raffaella lascia delle dichiarazioni molto dolci.

‘Asia ha fatto con me ‘Forte Forte Forte’, era in giuria. È una ragazza meravigliosa e carina, ma ha dentro di sé un mondo pieno di paure. Immaginate una come lei che si trova davanti un uomo grasso e in accappatoio: io so reagire, Asia non ce la fa’, confessa.

Il successo di Raffaella è avvenuto ‘per caso’, erano gli anni Settanta e le ragazze impazzivano per lei e per i valori di libertà che trasmetteva in un’epoca in cui ‘tutto era proibito’. La mia carriera è stata una sorpresa continua: non ho mai chiesto di fare le cose, sono accadute’, conclude la Carrà.