Rai: omaggio a Fabrizio Frizzi durante la presentazione dei palinsesti 2018-19

Prima della presentazione dei nuovi palinsesti Rai, l'omaggio a Fabrizio Frizzi da parte del direttore generale Mario Orfeo: 'Il volto di Fabrizio è la Rai che vogliamo, la TV delle famiglie e di tutti coloro che hanno apprezzato il suo lavoro e la sua gentilezza'.

Pubblicato da Raffaele Dambra Mercoledì 27 giugno 2018

A tre mesi dalla scomparsa il suo ricordo è sempre vivo ed era quindi quasi scontato che durante la presentazione dei palinsesti Rai ci fosse un omaggio a Fabrizio Frizzi, il popolarissimo conduttore venuto a mancare lo scorso 26 marzo. A pronunciare il commosso discorso è stato il direttore generale Mario Orfeo, che ha tracciato un interessante parallelismo tra la gentilezza e l’educazione di Frizzi e i valori che la TV di Stato intende trasmettere con i suoi programmi: ‘Fabrizio è il ritratto della Rai che vogliamo oggi e nel futuro’.

A presenziare l’annuncio dei nuovi palinsesti Rai per la stagione televisiva 2018-19 c’erano molti colleghi e amici di Fabrizio Frizzi, da Antonella Clerici a Mara Venier (di ritorno nell’azienda di viale Mazzini), passando per Amadeus e Caterina Balivo, che si sono immediatamente alzati in piedi e lasciati andare a un lungo e caloroso applauso, tutti visibilmente commossi, quando Mario Orfeo ha concluso il suo doveroso omaggio al compianto presentatore.

‘Il volto di Fabrizio Frizzi è la Rai che vogliamo’, ha spiegato il dg della Rai, ‘La Rai delle famiglie e di tutti coloro che hanno apprezzato il suo lavoro e la sua gentilezza. I valori della Rai sono insiti nel suo volto e questo è ciò che c’è stato nel nostro passato e vogliamo per il nostro futuro. Ci ricordiamo ancora con gli occhi lucidi le lunghe file delle persone accorse per salutarlo un’ultima volta’, ha poi proseguito Orfeo tornando al giorno dei funerali, ‘Quella era la sua gente. Mi emozionarono soprattutto le parole di una donna che disse: ‘da quando è morto mio marito ogni sera cenavo con il mio amico Fabrizio e mi sentivo meno sola’. Quello è il ritratto della Rai che vogliamo oggi e nel futuro’.

Il primo chiamato a proseguire nella strada tracciata da Fabrizio Frizzi sarà Flavio Insinna, a cui (non senza polemiche, a dire il vero), sono state consegnate le chiavi della storica trasmissione del conduttore scomparso, L’Eredità. Vedremo se sarà in grado di diventare anche lui un perfetto ‘compagno’ per i tanti telespettatori (e non sono pochi: pensiamo agli anziani, alle persone sole, ecc.) che cercano nei programmi TV un po’ di affetto e calore umano.