Tiziano Ferro, l’appello contro il Festival della carne di cane: ‘Basta questa tortura’

Tiziano Ferro aderisce alla campagna lanciata dall'Associazione Animalisti Italiani Onlus che ha organizzato un presidio davanti l'Ambasciata Cinese a Roma, per chiedere di fermare il Festival della carne di cane che si svolge a Yulin in Cina. In un video postato su Instagram il cantante ha lanciato un appello per dire stop alla manifestazione

Pubblicato da Chiara Podano Giovedì 21 giugno 2018

‘Basta questa tortura!’, così Tiziano Ferro lancia un appello contro il Festival della carne di cane in Cina. Celebrata in occasione del solstizio d’estate nella città di Yulin, durante la manifestazione vengono mangiati più di 10.000 cani, molti poveri animali vengono prelevati dalle strade, alcuni addirittura sottratti ai loro padroni. Tiziano Ferro ha pubblicato su Instagram un video per chiedere di fermare questo massacro.

‘Chiediamo all’Ambasciata Cinese in Italia di aiutarci a fermare questa barbarie perché la civiltà possa regnare’, Tiziano Ferro aderisce alla campagna lanciata dall’Associazione Animalisti Italiani Onlus che ha organizzato per oggi, giovedì 21 Giugno a partire dalle ore 10.30, un presidio davanti l’Ambasciata Cinese a Roma, per chiedere di fermare il Festival.

View this post on Instagram

#Stopyulin Il prossimo 21 giugno, dalle 10.00 alle 12.30, presidio di protesta davanti l'Ambasciata Cinese a Roma (via Bruxelles 56) per chiedere di fermare il Festival di Yulin che inizierà proprio in quel giorno. NEL GIORNO DEL SOLSTIZIO D'ESTATE NELLA REGIONE AUTONOMA DI GUANGXI VENGONO MACELLATI OLTRE 10,000 CANI DETENUTI IN GABBIE E IN PESSIME CONDIZIONI IGENICO SANITARIE, SECONDO DATI UFFICIALI DEL GOVERNO CINESE OGNI ANNO MUOIONO DAlle 2000 ALLE 3000 PERSONE A CAUSA DELLA RABBIA CONTRATTA DA QUESTI SUDDETTI CANI, CHIEDIAMO L'INTERVENTO DEL GOVERNO CINESE, PER CHIEDERE L'ABOLIZIONE DEL CONSUMO DI CARNE DI CANE E GATTO GIà VIETATA IN PAESI COME: FILIPPINE , SInGAPORE HONG KONG, COME INIZIO DI UN PERCORSO DI SENSIBILIZZAZIONE PER RISPETTARE TUTTI GLI ANIMALI. @animalisti_italiani #animalistiitaliani

A post shared by Tiziano Ferro (@tizianoferroofficial) on

Tiziano Ferro, l’appello su instagram contro il Festival della carne di cani

‘Ogni anno, nella festa nazionale di Yulin in Cina, più di 10.000 cani vengono brutalmente torturati e uccisi e massacrati, e a causa delle povere condizioni igieniche, più di 3.000 persone muoiono di rabbia. Animalisti italiani ed io vi chiediamo di sostenere questa iniziativa’, Tiziano Ferro, a gran voce su Instagram chiede di fare fronte comune su un problema che dovrebbe riguardare tutti, non soltanto la Cina.

Leggi anche: Festival di Yulin in Cina: migliaia di cani uccisi e venduti ai ristoranti

‘Chiediamo l’intervento del governo cinese, per chiedere l’abolizione del consumo di carne di cane e gatto già vietata in Paesi come: Filippine, Singapore, Hong Kong. Proponiamo l’inizio di un percorso di sensibilizzazione per rispettare tutti gli animali’, ha aggiunto Ferro.

Walter Caporale, presidente degli Animalisti Italiani Onlus si è detto grato per la richiesta lanciata su Instagram dal cantante. ‘Grazie Tiziano per aver risposto immediatamente all’appello’, ha scritto Caporale.

La protesta contro Yulin

A Yulin, si festeggia l’arrivo dell’estate con la carne di cane perché ritenuta fonte di fortuna e di salute. Nonostante ogni anno gli attivisti protestino a livello globale per il massacro dei cani nella città cinese, il Festival continua. Il consumo di carne di gatto e di cani, considerati come animali da compagnia in Occidente, è un’abitudine culinaria del sud-est asiatico.

In base alle statistiche dell’ufficio di Pechino della World Animal Protection, ogni anno in Cina vengono ancora portati al macello 25 milioni di cani.