Pechino Express 2018, Eleonora Brigliadori fuori dal cast: ‘Dichiarazioni incompatibili’, la decisione della RAI

Dopo le dichiarazioni di Eleonora Brigliadori su Nadia Toffa ('Chi è causa del suo mal pianga se stesso', ha scritto su Facebook in merito al cancro che ha colpito la conduttrice de Le Iene) e le proteste dei telespettatori sui social, la RAI ha deciso che l'attrice non farà più parte di Pechino Express 2018, al quale avrebbe dovuto partecipare insieme al figlio, Gabriele Gilbo.

da , il

    Eleonora Brigliadori è fuori da Pechino Express. Dopo i recenti attacchi sui social contro Nadia Toffa, l’attrice è stata eliminata dall’edizione 2018 dell’adventure game di Rai 2. Nel comunicato stampa ufficiale si legge: ‘A seguito delle dichiarazioni recentemente rese sul web dalla signora Eleonora Brigliadori, Rai2 ha deciso di non far partecipare la stessa al programma Pechino Express-Avventura in Africa. Le suddette dichiarazioni sono, infatti, in evidente contrasto con la missione e i valori di servizio pubblico della RAI, con il codice etico aziendale e con la linea editoriale della Rete. Pertanto la coppia Madre e Figlio (Eleonora Brigliadori, in arte Aaron Noel, e Gabriele Gilbo) non farà parte del cast’.

    La decisione della RAI arriva dopo due giorni di proteste dei telespettatori sui social network. Migliaia, infatti, coloro i quali hanno trovato di pessimo gusto le esternazioni di Eleonora Brigliadori nei confronti di Nadia Toffa. Nello specifico, l’attrice ha scritto sul proprio profilo Facebook ‘Chi è causa del suo mal pianga se stesso. Il destino mostra le false teorie nella vita e dove la salute scompare la falsità avanza’, rispondendo a un commento che tirava in causa il tumore che ha colpito la Toffa.

    Il commento, sebbene cancellato qualche ora più tardi, ha fatto il giro del web e sono stati sufficienti poche ore perché montassero la polemica e le proteste, finalizzate alla esclusione della Brigliadori dal cast dell’adventure game di Rai 2.

    Nel tardo pomeriggio di martedì 19 giugno, la risposta ufficiale della RAI.