Asia Argento a Cannes, il discorso contro Harvey Weinstein: ‘Questo festival era il suo terreno di caccia’

Asia Argento ha tenuto un breve discorso sul palco del Festival di Cannes in occasione della cerimonia di chiusura della kermesse. L'attrice ha ricordato le violenze subite da Harvey Weinstein e attaccato chi ha taciuto sui comportamenti del produttore cinematografico

Pubblicato da Chiara Podano Lunedì 21 maggio 2018

Asia Argento, sul palco del Festival di Cannes, ha puntato il dito contro Harvey Weinstein e ricordato di essere stata stuprata dall’ex produttore cinematografico proprio nella località francese all’età di 21 anni. L’attrice ha tenuto un breve discorso in cui ha anche accusato alcuni presenti di sapere ma di aver taciuto e nascosto i crimini di Weinstein.

Il 19 maggio scorso si è svolta l’attesa cerimonia di premiazione della 71ª edizione del Festival di Cannes. Tra i protagonisti della serata anche Asia Argento attivista del movimento #MeToo, che ha colto l’occasione per ricordare gli abusi subiti da Harvey Weinstein nel 1997 proprio a Cannes.

Asia Argento al Festival di Cannes: il discorso contro Harvey Weinstein

Asia Argento aveva taciuto per paura, ma poi quando è scoppiato lo scandalo molestie che ha travolto Harvey Weinstein, l’attrice e regista italiana ha confessato di aver subito abusi dal produttore. Il nome di Asia Argento si è aggiunto al lungo elenco di donne umiliate e molestate da Weinstein.

Leggi anche: Asia Argento: ‘Harvey Weinstein ha violentato anche me, ho taciuto per paura’

La violenza subita da Asia Argento nel 1997 è avvenuta proprio in Costa Azzurra a Cannes, così in occasione della giornata di chiusura dell’ultima edizione della kermesse dedicata al cinema, la figlia di Dario Argento è salita sul palco per ricordare quei momenti.

‘Nel 1997 sono stata stuprata da Harvey Weinstein proprio qui a Cannes, quando avevo 21 anni’, così Asia Argento ha ripercorso i ricordi della violenza subita dal produttore cinematografico.

‘Questo festival era il suo terreno di caccia’, ha dichiarato l’attrice affermando che il Festival di Cannes era occasione per Harvey Winstein di condurre vittime nella sua trappola.

Asia Argento ha poi lanciato un messaggio agli organizzatori del Festival, ma anche a tutti i membri del mondo del cinema e dello spettacolo. ‘Vorrei auspicarmi questo per il futuro: Harvey Weinstein non sarà mai più benvenuto qui. Sarà escluso da questa comunità che un tempo lo accoglieva e che ha nascosto i suoi crimini’, ha detto l’Argento.

Durissima l’accusa mossa ai presenti in sala. Secondo l’attrice, infatti, al Festival hanno preso parte personalità del mondo del cinema e dello spettacolo che hanno taciuto sulle violenze perpetuate per anni da Harvey Weinstein. ‘E anche stasera, seduti tra di voi, ci sono quelli che ancora devono essere considerati responsabili per i loro comportamenti contro le donne, che non devono far parte di questo settore. Voi sapete chi siete. Ma soprattutto noi sappiamo chi siete voi. E non vi permetteremo di farla franca un’altra volta’, ha tuonato l’attrice italiana e concluso dunque il discorso con un messaggio durissimo.