Maurizio Costanzo difende Barbara D’Urso: ‘È stata coraggiosa’

Maurizio Costanzo plaude a Barbara D'Urso e alla coraggiosa scelta di squalificare Luigi Favoloso dal 'Grande Fratello'. Il conduttore ha lodato la padrona di casa del reality show di Canale 5 per aver 'condannato i bulli'

Pubblicato da Chiara Podano Giovedì 17 maggio 2018

Dopo aver definito il ‘Grande Fratello 15’ una ‘finestra su una discarica’, Maurizio Costanzo difende Barbara D’Urso per aver gestito in modo coraggioso la vicenda relativa a Luigi Favoloso. Il fidanzato di Nina Moric è stato infatti squalificato per aver indossato una maglietta con una scritta sessista da lui stesso elaborata.

Barbara D’Urso è stata coraggiosa, è questa la sintesi del pensiero espresso da Maurizio Costanzo in merito all’allontanamento di Luigi Favoloso dalla casa del Grande Fratello.

Maurizio Costanzo difende Barbara D’Urso’

Non molto tempo fa, il 7 maggio scorso, Costanzo si era scagliato contro il papà dei reality show definendolo una ‘finestra su una discarica’ e invitando il pubblico a guardare ‘Aldo Moro – il professore’ in onda su Rai 1. Oggi però le parole del conduttore nei confronti della padrona di casa del Grande Fratello sono super positive.

Leggi anche: Maurizio Costanzo: ‘Il Grande Fratello è una finestra su una discarica’

‘Barbara D’Urso ha fatto bene: chi conduce un programma deve prendere le distanze da certi atteggiamenti di ospiti o concorrenti perché ha la responsabilità di parlare a un pubblico che è composto – soprattutto nel caso del Grande Fratello, in onda su Canale 5 – da giovani’, ha scritto Maurizio Costanzo sul settimanale Nuovo nella rubrica da lui gestita.

Il conduttore e giornalista dunque loda Barbara D’Urso per il suo comportamento. ‘Ci vuole coraggio per dire quello che si pensa e lei, condannando i bulli, ha fatto il suo dovere’, ha spiegato.

Secondo Maurizio Costanzo, infatti, il piccolo schermo ha una grossa responsabilità. ‘Proprio perché nella vita di tutti i giorni dilagano comportamenti maleducati e prepotenti è bene arginare queste derive quando si può. Se a volte non lo riescono a fare insegnanti e genitori, a svolgere questa funzione educativa dev’essere la televisione, che è un mezzo di comunicazione di massa’, ha aggiunto il conduttore in conclusione al suo intervento.