Amanda Lear a L’Intervista: ‘La mia aggressività è stata scambiata per ambiguità’

Le rivelazioni di Amanda Lear a L'Intervista: 'Negli anni '70 la mia aggressività è stata scambiata per ambiguità, oggi invece tutte le donne sono così'. Nel corso del talk show di Costanzo la showgirl italo-francese ha parlato anche di Salvador Dalì e David Bowie.

Pubblicato da Raffaele Dambra Giovedì 17 maggio 2018

Amanda Lear a L’Intervista: ‘La mia aggressività è stata scambiata per ambiguità’
Amanda Lear e Maurizio Costanzo registrano la seconda puntata de L’Intervista. / Ufficio stampa Mediaset

Donna enigmatica come poche altre (la sua data di nascita oscilla tuttora tra il 1939 e il 1946…), Amanda Lear a L’Intervista, il talk show del lunedì sera di Maurizio Costanzo, è tornata sugli argomenti che negli ultimi quarant’anni hanno alimentato il suo mito, dall’ambiguità sessuale alle relazioni sentimentali con Salvador Dalì e David Bowie, fornendo risposte abbastanza precise alle domande che ognuno di noi avrebbe voluto farle da tempo. La più ricorrente delle quali riguarda ovviamente il presunto cambio di sesso…

La leggenda vuole infatti che Amanda Lear fosse originariamente un ragazzo di nome Alain René Tap, sottopostosi a due operazioni nel ’63 e nel ’64 a Casablanca per diventare donna. Indubbiamente la voce e i tratti del viso ‘mascolini’ di Amanda hanno favorito la diffusione di questa suggestiva ipotesi, ma è molto probabile (pare su suggerimento dello stesso Dalì) che la Lear ci abbia ‘marciato’ per suscitare curiosità all’inizio della sua carriera di cantante.

‘L’ambiguità che mi ha sempre accompagnato?’, ha confermato Amanda Lear a Maurizio Costanzo, ‘Mah, per me l’ambiguità è quando la gente normale non riesce a capire bene cosa sei o chi sei. La verità è che io ho sempre dato l’immagine di una donna aggressiva, un po’ maschile nell’atteggiamento… e la gente pensava: ‘una donna non si comporta così, non è una donna vera’. Oggi invece tutte le donne sono così’.

Per quanto riguarda invece il rapporto con l’eccentrico pittore surrealista Salvador Dalí, Amanda Lear ha raccontato di aver capito di essersi innamorata di lui quando la moglie dell’artista le disse ‘Se lei vuole il mio posto questa è la mia stanza’: ‘Non avevo mai incontrato una donna così, che non aveva la gelosia. Dopo è diventata la mia migliore amica e sono rimasta con questa strana coppia più di 15 anni’.

Poi un ricordo del grande David Bowie, con cui la Lear ha intrattenuto una relazione a metà degli anni ’70: ‘Era tenero, attraente e intelligente, un grande artista ma anche tormentato. È stato il primo a credere in me come cantante, mi ha pagato le lezioni di canto. Ricordo che si truccava più di me, ma il problema dei maschi che si truccano è che non si struccano la notte per dormire, perciò mi sporcava il cuscino con il fondotinta’.

Infine la domanda delle cento pistole, Amanda Lear si può sapere con certezza quanti anni hai? Impossibile saperlo: ‘L’età anagrafica non mi interessa: ancora adesso i ragazzi mi dicono ‘quanto sei bona’, ed è ciò che veramente conta’.

La puntata di Amanda Lear a L’Intervista andrà in onda lunedì 21 maggio 2018 in seconda serata su Canale 5.