Al Bano, felice di essere nonno: ‘Mi sento amore allo stato puro’

Ad una settimana di distanza dalla nascita del nipote Kay, Al Bano esprime tutta la sua felicità di fronte al miracolo della vita. 'E' come tornare al punto di partenza' afferma il cantante di Cellino San Marco, che non vede l'ora di poter passeggiare nel parco ed insegnare i segreti della terra e della natura al piccolo figlio di Cristel.

Pubblicato da Giorgia Piombo Giovedì 17 maggio 2018

Al Bano, felice di essere nonno: ‘Mi sento amore allo stato puro’

Volato a Zagabria dal nipotino, Al Bano afferma di essere un nonno felice. A distanza di una settimana dalla nascita del figlio di Cristel Carrisi, il cantante pugliese esprime tutta la sua gioia di fronte al miracolo della vita, Kay. Il nipote di Al Bano è nato lo scorso 10 maggio 2018 da Cristel e dall’imprenditore Davor Luksic, come annunciato nel corso dell’ultima puntata di The Voice.

E’ un nonno molto felice, dunque, Al Bano a pochi giorni dalla nascita del nipote che lo ha reso per la prima volta nonno con Romina Power. Una notizia che l’ha riportato alla ‘linea di partenza’, per cominciare qualcosa di nuovo: ‘E dal momento che non ha la responsabilità diretta di quel bambino, può solo dare affetto, un affetto smisurato’ ha così concluso il cantante di Cellino San Marco in un’intervista rilasciata al settimanale ‘Grand Hotel’.

Leggi anche: Al Bano e Romina nonni: è nato il figlio di Cristel Carrisi

Al Bano sul nipote Kay: ‘Sarà davvero molto bello’

Al Bano esprime tutta la sua felicità ad una settimana di distanza dalla nascita del nipotino: ‘Mi sono sentito pieno di tenerezza e nello stesso tempo piccolo, minuscolo, di fronte al miracolo della vita. Kay è un bambino bellissimo, sono davvero felice’, ha affermato il cantante pugliese.
‘È così. Voglio essere un nonno cantastorie, che prenda per mano la fantasia del nipotino. Un nonno “sciamano”, che gli insegni il contatto con la natura, con gli animali, la terra’.

Leggi anche: Al Bano a NanoPress: ‘Non si chiama più gossip, si chiama schifezza umana’, intervista