‘Ballando con le stelle’, la sexy rumba di Ciacci e Todaro divide i giudici

Questa volta la performance sensuale di Giovanni Ciacci e Raimondo Todaro non convince Guillermo Mariotto. Dopo la ‘same sex dance’ si riapre un acceso dibattito tra i giudici, Carolyn Smith è entusiasta, Fabio Canino urla e lancia l’accusa di ‘razzismo dei gay contro i gay’, Ivan Zazzaroni difende la coppia.

Pubblicato da Giulia Scotto Domenica 29 aprile 2018

‘Ballando con le stelle’, la sexy rumba di Ciacci e Todaro divide i giudici

Ogni sabato sera, la ‘same sex dance’ della coppia Giovanni Ciacci e Raimondo Todaro è motivo di polemiche e litigi tra i giudici. Anche nell’ultima puntata di ‘Ballando con le stelle’, andata in onda il 28 Aprile 2018, la giuria si è divisa e non sono mancate accuse e parole forti.
I due ballerini si sono esibiti in una sensualissima rumba, definita anche ‘ballo della fecondazione’. Sono stati molto bravi e coinvolgenti, tanto da lasciare entusiasta Carolyn Smith, che ha definito l’esibizione ‘strepitosa’. Ma non è stato d’accordo Mariotto, che ha voluto aprire una parentesi su questo tipo di balli, ritenendo il programma tanto famoso da entrare nelle case di tutti molto facilmente. A sua detta, un bambino di cinque anni, lo avrebbe fermato e gli avrebbe fatto una serie di domande riguardanti il tipo di relazione tra Ciacci e Todaro, il significato della parola ‘omofobia’ e altro. Il giudice si è sentito in difficoltà e si è dichiarato confuso. A quel punto Canino si è agitato, urlando di ‘razzismo dei gay contro i gay’. Il pubblico gli è andato contro e Zazzaroni ha difeso i due ballerini. Anche in questo caso la loro esibizione non ha avuto un riscontro unanime.