La lettera di Gerry Scotti a Fabrizio Frizzi: ‘Senza te come avversario ma con te nel cuore’

Nel giorno in cui amici, colleghi e gente comune hanno fatto visita a Fabrizio Frizzi presso la camera ardente allestita in Viale Mazzini, Gerry Scotti ha dedicato una lettera all'amico scomparso. Poche righe ricche di affetto e stima nei confronti di colui con cui, per tante volte, si è scontrato a colpi di quiz nella fascia del pre-serale.

da , il

    La lettera di Gerry Scotti a Fabrizio Frizzi: ‘Senza te come avversario ma con te nel cuore’

    Tra i tanti messaggi di affetto dedicati a Fabrizio Frizzi dai colleghi di Rai e Mediaset c’è anche la lettera di Gerry Scotti per il conduttore scomparso a soli 60 anni. Il volto di Canale 5, legato all’amico da una profonda amicizia nonostante l’appartenenza ad aziende in competizione, ha raccontato il rapporto sincero che li teneva uniti e li portava a scriversi, di tanto in tanto, pensieri affettuosi e simpatici.

    ‘Caro amico ti scrivo…’ – inizia così la lettera che Gerry Scotti ha indirizzato a Fabrizio Frizzi e che è stata pubblicata dal quotidiano La Stampa nella giornata in cui tantissimi amici, colleghi e persone comuni hanno fatto visita al conduttore scomparso presso la camera ardente allestita in Rai. Poche righe piene di stima e affetto nei confronti dell’eterno ragazzo della televisione italiana con il quale Scotti si ‘scontrava’ a colpi di quiz nella fascia del pre-serale.

    Leggi anche: Fabrizio Frizzi morto: le reazioni di amici e colleghi vip sui social

    Gerry Scotti a Fabrizio Frizzi: il pensiero per l’amico scomparso

    ‘La nostra amicizia, la nostra familiarità, la nostra vicinanza nel mondo del lavoro ci ha sempre portato a degli scambi molto brevi e molto intensi’ – ha scritto Gerry Scotti nella lettera per Fabrizio Frizzi con il quale ha sempre mantenuto un rapporto amichevole fatto di ‘piccoli, affettuosi messaggi, lasciati sul telefono l’uno dell’altro’.

    E sono proprio quei pensieri che Scotti ha conservato sempre sul suo cellulare, come se fosse stato spinto da ‘un istinto sovrannaturale’ che gli ha suggerito di non cancellarne nemmeno uno.

    Dai semplici auguri di buone feste fino a quelli più stringati iniziati quando la malattia ha preso il sopravvento passando per gli ‘in bocca al lupo ma non esagerare perché dall’altra parte ci sono io…’: tutto questo, oggi, è ciò che Scotti è riuscito a conservare di Frizzi.

    Leggi anche: Fabrizio Frizzi, la malattia era grave: ‘Sapevo che non avrebbe visto l’estate’, dice Giletti

    Gerry Scotti e l’ultimo abbraccio a Fabrizio Frizzi

    ‘Ora che non potrai più leggere i miei messaggi ti voglio dire quanto ho ammirato la tua semplicità, la tua normalità, il tuo garbo, la tua correttezza e il tuo sorriso’ – si continua a leggere nella lettera di Gerry per Fabrizio.

    Sono queste, infatti, le caratteristiche di Frizzi maggiormente esaltate da chi lo ha conosciuto e seguito, a testimonianza di come ‘al mondo d’oggi e soprattutto nel nostro mondo, quello dello spettacolo, una persona per bene può ancora lasciare il segno.

    ‘Spero di avere la forza e la salute per fare ancora questo lavoro per tanti anni, senza di te come avversario ma con te nel cuore’ – si legge a conclusione della lettera di Gerry Scotti, che ha salutato l’amico scomparso con un abbraccio, quello che ‘tutti noi ti dobbiamo, dobbiamo a tua moglie, a tua figlia e a tutti coloro che ti hanno voluto bene’.