Fabrizio Frizzi, Pupo si sfoga sui social: ‘Chi lo angosciava oggi lo rimpiange’

Morte di Fabrizio Frizzi, Pupo si sfoga sui social: 'Non ho parole fratello mio, gli ipocriti che ti angosciavano oggi ti rimpiangono'. Il cantante si riferisce ad alcune confidenze fattegli qualche anno fa dall'amico conduttore. Chi sono i destinatari delle accuse di Pupo?

Pubblicato da Raffaele Dambra Martedì 27 marzo 2018

Fabrizio Frizzi, Pupo si sfoga sui social: ‘Chi lo angosciava oggi lo rimpiange’
Fabrizio Frizzi e Pupo alla presentazione della Partita del cuore 2008. / Ansa

Tantissimi messaggi di affetto e cordoglio per la morte di Fabrizio Frizzi, ma Pupo va controcorrente e su Facebook pubblica un post polemico accusando di ipocrisia quelle persone (senza fare nomi) che oggi rimpiangono il popolare conduttore televisivo, pur avendogli causato in passato tante sofferenze. Pupo era amico di Frizzi da molti anni e aveva lavorato con lui nella trasmissione Ti Lascio Una Canzone del 2014 e in molte edizioni della Partita del Cuore.

‘Soltanto due anni fa, eravamo insieme qua, alle cascate del Niagara’, ha scritto Pupo su Facebook per ricordare la sua amicizia con Fabrizio Frizzi, ‘Abbiamo condiviso momenti professionali meravigliosi ed altri, privati, in cui mi raccontavi le tue sofferenze e le angosce che gli ipocriti che oggi ti rimpiangono, ti avevano causato. Non ho parole fratello’.

Soltanto due anni fa, eravamo insieme qua, alle cascate del Niagara. Abbiamo condiviso momenti professionali...

Pubblicato da Pupo Official su Lunedì 26 marzo 2018

Non sappiamo ovviamente a chi si riferisca Pupo né se fosse il caso di postare uno sfogo così polemico proprio in questi giorni (su questo punto ognuno è libero di pensarla come vuole). È vero però che nella vita professionale di Fabrizio Frizzi ci sono stati almeno due momenti difficili che gli hanno sicuramente provocato angoscia e frustrazione: il primo, come ricorda Il Giornale, fu nel 2000, quando l’allora direttore generale della Rai Pier Luigi Celli disse che si vergognava di alcune trasmissioni della TV di Stato tra cui Per Tutta la Vita, condotta proprio da Frizzi.

Il secondo quando Fabrizio Del Noce, all’epoca direttore di Rai 1, criticò aspramente l’edizione 2002 di Miss Italia (presentata neanche a dirlo dal povero Fabrizio) affermando di averla trovata noiosa. Queste critiche lasciarono il segno, convincendo Fabrizio Frizzi a lasciare la Rai per un’esperienza a Mediaset che si rivelò brevissima. Tornato in viale Mazzini, Frizzi ci mise del tempo a riconquistare la ribalta della prima serata su Rai 1, rimanendo a lungo confinato su Rai 2 e Rai 3.

Chiamato a commentare quel periodo buio della carriera di Fabrizio Frizzi, Del Noce non si è tirato indietro e pur ammettendo i contrasti con il conduttore ai tempi di Miss Italia 2002, ha detto che la stima nei suoi riguardi non era mai venuta meno: ‘Sì, ci furono diversità di vedute su Miss Italia, ma non fu per quello che Fabrizio decise di andare a Mediaset, c’erano questioni burocratiche e contrattuali. In seguito i nostri rapporti si ricomposero, tanto che fui proprio io ad affidargli nel 2007 i Soliti Ignoti, il programma che lo riportò al grande successo. Penso che Fabrizio Frizzi sia stato uno dei migliori conduttori che la Rai abbia avuto in questi ultimi 40 anni’.