Fabrizio Frizzi, la lettera di Valeria Favorito: ‘Fratellone mio, vivo grazie a te’

Nel drammatico giorno della scomparsa di Fabrizio Frizzi si ricorda la lettera di Valeria Favorito, la bambina affetta da una grave forma di leucemia salvata dalla donazione del midollo osseo del conduttore TV. Commoventi le sue parole, tornata a vivere grazie alla generosità del suo 'Fratellone', dell'eterno ragazzo della televisione italiana che mai verrà dimenticato.

Pubblicato da Giorgia Piombo Lunedì 26 marzo 2018

Fabrizio Frizzi, la lettera di Valeria Favorito: ‘Fratellone mio, vivo grazie a te’

Nel tragico giorno della morte di Fabrizio Frizzi si ricorda la lettera di Valeria Favorito, la bambina malata di leucemia salvata dalla generosità del conduttore, dell’amato volto della televisione italiana. La storia più volte raccontata rimane una commovente testimonianza di quanto buono d’animo fosse Fabrizio, mancato nella notte di lunedì 26 marzo 2018 a seguito di un’emorragia cerebrale.

Era il 2000 quando Fabrizio Frizzi salvò la vita a Valeria Favorito, donandole il midollo osseo e sottoponendosi, dunque, ad un’operazione alquanto delicata. Nel triste giorno della sua morte, il conduttore Rai viene ricordato anche per il gesto d’amore che più di tutti ha colpito i telespettatori, colleghi e amici, il gesto d’amore: ha donato la vita a chi ha rischiato di perderla.

Leggi anche: Morto Fabrizio Frizzi a 60 anni: ci ha lasciato l’eterno ragazzo della TV

Fabrizio Frizzi, la commovente lettera di Valeria

In questo drammatico 26 marzo 2018 si ricorda la commovente lettera scritta da Valeria Favorito a Fabrizio Frizzi, a poche settimane dall’intervento che salvò la vita alla piccola malata di leucemia.
‘Caro fratellone, io ho fatto da poco le analisi del sangue e i risultati sono ottimi. Sto veramente benone’, dice la sorellina del conduttore Rai, ‘Fratellone mio, ogni giorno ringrazio Dio per tutti i momenti felici che ho vissuto e continuo a vivere, ma lo ringrazio anche per i momenti orribili e tristi che ho vissuto perché grazie a questi sono diventata più forte e responsabile. Ma soprattutto lo ringrazio infinitamente di avermi fatto rivivere la vita quando la stavo perdendo. Se adesso sono qui a scrivere è proprio grazie a te, il sangue che adesso sta scorrendo dentro le mie vene è tuo e ti sono infinitamente grata. Sono veramente felice di vivere e se in qualche momento della vita mi sono sentita triste, io penso a quanto ho lottato per vivere, e subito sparisce la tristezza. Se si desidera veramente realizzare un sogno bisogna combattere con tutti noi stessi per averli e nel mio caso è stato lottare per la vita’.
Parole profonde riecheggiano in questo triste giorno, come testimonianza del grande cuore che ha sempre contraddistinto l’eterno ragazzo della TV, il ‘conduttore della porta accanto’.

Leggi anche: Fabrizio Frizzi: le sue condizioni sono buone ma ‘la battaglia non è finita’

Fabrizio Frizzi, salvò la vita a Valeria donandole il midollo osseo

Era il 2000 quando Fabrizio Frizzi prese un’importante decisione: donare il midollo osseo a Valeria Favorito, salvandole la vita.
All’epoca il conduttore era impegnato nelle riprese di una fiction TV e nella diretta di ‘Per tutta la vita’, trasmissione guidata con Romina Power, quando una chiamata lo allontanò momentaneamente dalla scena: una bambina di soli 11 anni malata di una grave forma di leucemia aveva bisogno di lui.
Nel 1994 Frizzi aveva fatto un prelievo di sangue iscrivendosi al registro dei donatori di midollo osseo e, nonostante i numerosi impegni televisivi, decise di aiutare Valeria.
‘Fabrizio oggi non c’è perché domenica scorsa ha fatto una cosa molto bella, una cosa importante per qualcuno’, aveva così giustificato Romina Power l’assenza del collega sul palco.
La famiglia di Valeria è venuta a conoscenza di chi fosse il noto personaggio televisivo che aveva salvato la vita all’undicenne solo dopo qualche anno di cura, in quanto non rientrasse nel carattere di Frizzi pubblicizzare gesti di tanta generosità.
Il primo abbraccio tra Valeria e Fabrizio avvenne a Verona in occasione della Partita del Cuore.