Vittorio Cecchi Gori lascia l’ospedale: ‘Sono stato fortunato e mi sono riavvicinato a Rita Rusic’

Vittorio Cecchi Gori è stato dimesso dall'ospedale Gemelli di Roma dove era stato ricoverato in codice rosso lo scorso dicembre. La malattia, sopraggiunta dopo un periodo di stress e solitudine, gli ha permesso di riscoprire i rapporti del passato e, soprattutto, lo ha spinto a riavvicinarsi alla moglie Rita Rusic e al figlio Mario, volati da Miami al suo capezzale non appena hanno appreso la notizia del ricovero.

da , il

    Vittorio Cecchi Gori lascia l’ospedale: ‘Sono stato fortunato e mi sono riavvicinato a Rita Rusic’

    Dopo l’ischemia cerebrale che lo aveva colpito alla vigilia di Natale, Vittorio Cecchi Gori ha lasciato l’ospedale dove è stato ricoverato per iniziare il periodo di ripresa nella sua casa romana. I problemi di salute sembrano essere stati superati e, proprio durante la malattia, il produttore cinematografico si è riavvicinato alla ex moglie, Rita Rusic, e al figlio Mario.

    ‘Come sto? Suvvia, bene, ho ripreso anche colore, sennò non sarei qui a casa mia’ – ha spiegato Vittorio Cecchi Gori, raggiunto dal Corriere della Sera poco dopo aver lasciato l’ospedale Gemelli di Roma. Visibilmente dimagrito, è potuto tornare a casa dopo due mesi dal ricovero in codice rosso che gli ha fatto temere di perdere la vita a 75 anni. ‘Sono stato fortunato, il fisico è forte, nonostante tutto, un tempo ti veniva un colpo e morivi, altroché’ – ha commentato il produttore cinematografico, felice di poter tornare a godere delle piccole cose della vita, come la vista della Cupola di San Pietro dalla sua casa ai Parioli.

    Leggi anche: Vittorio Cecchi Gori ancora ricoverato dopo il malore: l’ex produttore sta meglio

    Vittorio Cecchi Gori: ‘Rita Rusic resta sempre mia moglie’

    Consapevole di come i problemi di salute possano cambiare le priorità e modificare i rapporti interpersonali, Vittorio Cecchi Gori ha ammesso di essersi riavvicinato alla moglie Rita Rusic che gli è stata vicino in questo momento difficile.

    ‘Mi sono riavvicinato a mia moglie Rita Rusic’ – ha raccontato – ‘Sì, siamo divorziati, ma per me resta sempre mia moglie’.

    I due, sposati dal 1983 al 1999, hanno avuto due figli – Mario e Vittorio – ma le comunicazioni si erano interrotte da diversi anni.

    La notizia del malore di Cecchi Gori, però, ha fatto sì che le beghe del passato venissero dimenticate e la Rusic ha preso il primo volo da Miami per assistere il marito in questi mesi di degenza.

    Grazie all’attrice, inoltre, il produttore cinematografico ha avuto modo di riallacciare i rapporti con il figlio Mario: ‘È rimasto con me per un mese intero, un miracolo, e anche questo è merito di Rita’.

    Leggi anche: La Vita in Diretta, Rita Rusic: ‘Vittorio Cecchi Gori sta migliorando, intorno a lui nessuno’

    Vittorio Cecchi Gori, la solitudine prima del malore

    L’ischemia cerebrale con complicazioni cardiache che ha colpito Vittorio Cecchi Gori lo scorso dicembre è stata, forse, la conseguenza di una serie di avvenimenti tristi che lo avevano portato a vivere in totale solitudine.

    ‘Mi ricordo che non stavo bene, anzi mi ricordo parecchie cose, più di quando mi sono ammalato’ – ha spiegato – ‘Non mi sono accorto di essere esaurito, ero tanto stanco, stanchissimo, prostrato da tanti avvenimenti brutti’.

    Un periodo triste e assai complicato degenerato in una malattia che lo ha ridotto quasi in fin di vita.

    Ora che è stato dimesso, però, Cecchi Gori dovrebbe sottoporsi ad un altro intervento: ‘[…] Ho un ginocchio malandato e non cammino bene, zoppico e ho paura di inciampare’ – ha spiegato – ‘Dovrei operarmi, un interventino […]’ – di cui, però, non ha tantissima voglia.

    Leggi anche: Vittorio Cecchi Gori: ‘Oggi sono solo, ai tempi Valeria Marini fu meravigliosa’