Oscar 2018, i vincitori: trionfo per La Forma dell’Acqua

Notte degli Oscar 2018: i vincitori delle maggiori categorie sono La Forma dell'Acqua con 4 statuette tra cui miglior film e miglior regia, Tre Manifesti a Ebbing, Missouri e L'Ora Più Buia. Premiato anche Chiamami col tuo Nome di Luca Guadagnino per la miglior sceneggiatura non originale firmata da James Ivory.

da , il

    Oscar 2018, i vincitori: trionfo per La Forma dell’Acqua

    Si è appena conclusa la notte degli Oscar 2018: i vincitori sono La Forma dell’Acqua di Guillermo Del Toro, che si è aggiudicato ben 4 statuette (su 13 nomination) tra cui miglior film e miglior regia, Dunkirk, premiato tre volte anche se solo in categorie tecniche, Tre Manifesti a Ebbing, Missouri, che ha portato al trionfo gli attori Frances McDormand e Sam Rockwell (così come L’Ora Più Buia ha permesso finalmente al grande Gary Oldman di vincere il premio degli Academy Awards), e, cosa più importante per noi, l’italianissimo Chiamami col tuo Nome di Luca Guadagnino, che, come da pronostico fortunatamente rispettato, ha vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale grazie al mitico James Ivory.

    Nel ritirare i suoi due personalissimi Oscar per il film e la regia (le altre due statuette La Forma dell’Acqua le ha vinte per la colonna sonora di Alexandre Desplat e per la scenografia), il messicano Guillermo Del Toro ha citato commosso i maestri Steven Spielberg e Douglas Sirk e ha dedicato il premio ai giovani registi affinché siano consapevoli che con il genere fantasy si possa raccontare la realtà. Del Toro, che per La Forma Dell’Acqua aveva già vinto il Golden Globe e il BAFTA, era stato candidato per la prima volta agli Oscar nel 2007 per Il Labirinto del Fauno.

    Su di giri, nonostante le quasi 90 primavere, anche lo statunitense James Ivory, vincitore dell’Oscar 2018 per la sceneggiatura non originale (tratta dall’omonimo romanzo di di André Aciman) di Chiamami col tuo Nome: ‘Tutti siamo passati attraverso l’esperienza del primo amore, e non c’è differenza se sia stato omosessuale o eterosessuale. Ringrazio Luca Guadagnino (il regista italiano del film, ndr) per la sua sensibilità dietro la macchina da presa’. Ivory si è preso una bella rivincita 31 anni dopo la nomination andata a vuoto per il suo celebre Camera Con Vista, diventando nel contempo il più anziano vincitore nella storia degli Oscar.

    Oltre ai film citati, gli Oscar 2018 hanno visto ottime performance anche del cartoon Coco, che ha vinto nella categoria film d’animazione e per la canzone ‘Remember Me’ cantata da Miguel e Natalia Lafourcade, di Blade Runner 2049 (due statuette tecniche: fotografia ed effetti speciali) e del bizzarro horror a tinte satiriche Scappa – Get Out, Oscar a sorpresa per la miglior sceneggiatura originale di Jordan Peele.

    Naturalmente durante la premiazione degli Oscar 2018 non potevano mancare i riferimenti allo scandalo Weinstein che negli ultimi mesi ha travolto l’industria cinematografica americana, scoperchiando una realtà di abusi e molestie che molti conoscevano ma di cui nessuno parlava. Ha cominciato in maniera ironica il presentatore della serata Jimmy Kimmel, che di fronte a una statuetta in formato gigante ha detto: ‘Sicuramente è l’uomo più rispettoso della città: tiene le mani ben in evidenza e soprattutto non ha… pene’! Poi Kimmel si è fatto più serio ricordando i grandi risultati raggiunti dal movimento Time’s Up a difesa delle vittime di molestie sessuali. Più tardi poi, nel corso della cerimonia, sono salite sul palco Anna Sciorra, Ashley Judd e Salma Hayek che a nome di Time’s Up hanno sottolineato ‘le verità che sono lentamente emerse in questi mesi aprendo a una nuova e differente strada’, augurandosi che i prossimi 90 anni possano essere di diversità e di uguaglianza.

    Vediamo adesso, categoria per categoria, tutti i vincitori degli Oscar 2018.

    Miglior film

    La Forma dell’Acqua, di Guillermo Del Toro

    Miglior regia

    Guillermo Del Toro (La Forma dell’Acqua)

    Miglior attrice protagonista

    Frances McDormand (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri)

    Miglior attore protagonista

    Gary Oldman (L’Ora Più Buia)

    Miglior sceneggiatura originale

    Jordan Peele (Scappa – Get Out)

    Miglior sceneggiatura non originale

    James Ivory (Chiamami col tuo Nome)

    Miglior film d’animazione

    Coco, di Lee Unkrich e Adrian Molina

    Miglior canzone

    ‘Remember Me’, cantata da Miguel e Natalia Lafourcade (Coco)

    Miglior documentario

    Icarus, di Bryan Fogel

    Miglior cortometraggio documentario

    Heaven is a Traffic Jam on the 405, di Frank Stiefel

    Miglior film straniero

    Una Donna Fantastica, di Sebastian Leilo (Cile)

    Miglior attore non protagonista

    Sam Rockwell (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)

    Miglior attrice non protagonista

    Allison Janney (I, Tonya)

    Miglior trucco e acconciatura

    Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick (L’Ora Più Buia)

    Miglior montaggio

    Lee Smith (Dunkirk)

    Migliori effetti speciali

    John Nelson, Gerd Nefzer, Paul Lambert e Richard R. Hoover (Blade Runner 2049)

    Miglior colonna sonora

    Alexandre Desplat (La Forma dell’Acqua)

    Miglior cortometraggio

    The Silent Child, di Chris Overton e Rachel Shenton

    Miglior cortometraggio d’animazione

    Dear Basketball, di Glen Keane e Kobe Bryant

    Miglior sonoro

    Mark Weingarten, Gregg Landaker e Gary A. Rizzo (Dunkirk)

    Montaggio sonoro

    Richard King e Alex Gibson (Dunkirk)

    Migliori costumi

    Mark Bridges (Il Filo Nascosto)

    Miglior fotografia

    Roger A. Deakins (Blade Runner 2049)

    Miglior scenografia

    Paul D. Austerberry – Shane Vieau e Jeff Melvin (La Forma dell’Acqua)

    Oscar onorario

    Agnes Varda

    Charles Burnett

    Donald Sutherland

    Owen Roizman

    Oscar Special Achievement Award

    Alejandro Gonzalez Iñárritu (Carne y Arena).