Eva Henger sul canna-gate de L’Isola 13: ‘Alessia Marcuzzi ne sa poco, ma dovrebbe cercare la verità’

Non si placa la polemica sul canna-gate a L'Isola dei famosi 13 e Eva Henger annuncia che continuerà ad andare avanti fino a quando non verrà fuori la verità. Certa che Alessia Marcuzzi sappia veramente poco di quanto accaduto, la ex naufraga la invita a cercare la verità perchè le prove esistono e, prima o poi, 'tutte le maschere cadranno'.

Pubblicato da Luana Rosato Mercoledì 28 febbraio 2018

Eva Henger sul canna-gate de L’Isola 13: ‘Alessia Marcuzzi ne sa poco, ma dovrebbe cercare la verità’

Eva Henger continua a rilasciare dichiarazioni sul canna-gate de L’Isola dei famosi 13 e spezza una lancia a favore di Alessia Marcuzzi, certa che la conduttrice non sia a conoscenza dei fatti reali avvenuti in Honduras. Dopo il confronto tra le due avvenuto in diretta tv e le accuse piovute sulla conduttrice, ritenuta troppo aggressiva con la ex naufraga, quest’ultima dichiara di essere certa della sua buona fede.

Nella sesta puntata de L’Isola dei famosi 13, Alessia Marcuzzi ha chiesto maggiore tatto nell’affrontare il canna-gate, soprattutto perché non si hanno ancora delle prove tangibili, ma Eva Henger pare non abbia alcuna intenzione di fermarsi e andrà avanti fino a quando la sua verità non verrà provata. ‘In me cresce la forza e il senso di giustizia, più vedo gli altri mentire. Non mollo’ – ha dichiarato la ex concorrente del reality show di Canale 5 in una intervista al settimanale Oggi in edicola domani, 1 marzo 2018.

Leggi anche: Isola 13, Andrea Marchi di Magnolia sul canna-gate: spunta il confessionale di Eva Henger

Eva Henger: ‘Un certo sistema teme la verità’

La Henger è un vero e proprio fiume in piena e, nonostante molti la accusino di voler trarre vantaggio dalle accuse sul canna-gate su L’Isola 13, l’ungherese si è detta pronta a lottare, contro tutto e tutti.

‘Mollare adesso sarebbe sciocco, se cominci e non dici bugie non bisogna temere nulla. Diciamo che un certo sistema ha paura della verità’ – ha continuato Eva, lasciando intendere che tutti i suoi compagni naufraghi che oggi ritrattano sulla questione, stanno palesemente mentendo.

‘Dire la verità significa andare contro una produzione, un gigante che può stritolare qualsiasi velleità, o meglio, necessità professionale’ – ha spiegato – ‘Io lo capisco, ma non posso giustificare chi sa e tace’.

‘Chiunque ora al mio posto si fermerebbe. È talmente pesante convivere con l’ipocrisia, che pochi resisterebbero come sto facendo’ – ha riconosciuto, ribadendo come trovi la forza per andare avanti proprio nelle menzogne raccontate dagli altri.

‘Sono indignata, ma la parola fine la scrivo io, quando decido io’ – ha sottolineato la Henger, consapevole di come possa essere schiacciata in una situazione più grande di lei.

Leggi anche: Domenica Live, Eva Henger alla macchina della verità: nessuna bugia sul canna-gate de L’Isola 13

Eva Henger sul canna-gate: ‘Le prove esistono’

Stanca di sentirsi dire di aver denunciato l’uso di marijuana da parte di Francesco Monte su L’Isola 13 per vendicarsi della nomination, Eva Henger ha ribadito di averne parlato prima con la produzione e davanti ad altri otto naufraghi.

‘Mi è stato promesso che avrebbe indagato’ – sostiene Eva riferendosi ad Andrea Marchi, capo degli autori di Magnolia.

Tuttavia, pare che la produzione non sia andata a fondo e, così, la Henger ha annunciato che ne avrebbe parlato in puntata, ancor prima di finire in nomination: ‘[…] Non ho parlato perché sono stata nominata, avevo già fatto casino. E se l’ho fatto è solo perché ci ha fatto correre un rischio enorme’.

Dal caso canna-gate a L’Isola dei famosi 13, Eva Henger tira fuori Alessia Marcuzzi, certa che la conduttrice ne sappia molto poco: ‘Credo che Alessia Marcuzzi ne sappia davvero poco. Ma visto che ci mette la faccia, sarebbe opportuno che cercasse lei per prima la verità’ – ha concluso – ‘Le prove esistono, è solo questione di tempo. Le maschere cadranno una a una, tanto vale esporsi’.

Leggi anche: L’Isola dei famosi 2018, Magnolia sul canna-gate: ‘Nessuna prova, la produzione tutelerà le proprie ragioni’

Vedi anche: