Silvia Provvedi e Fabrizio Corona allargano la famiglia? ‘Vedremo’

Fabrizio Corona è stato scarcerato dopo 16 mesi presso il penitenziario di San Vittore e, ad attenderlo, c'era la fidanzata Silvia Provvedi. E' lei a raccontare i progetti futuri della coppia, senza escludere la possibilità di allargare la famiglia o di convolare a nozze. La priorità, ad oggi, però, resta il percorso terapeutico di Corona in una comunità di recupero.

Pubblicato da Luana Rosato Martedì 27 febbraio 2018

Silvia Provvedi e Fabrizio Corona allargano la famiglia? ‘Vedremo’
Ansa – Silvia Provvedi riabbraccia Fabrizio Corona fuori dal carcere di San Vittore il 21 febbraio 2018 / Ansa

Dopo 16 mesi di carcere, Silvia Provvedi ha potuto riabbracciare il fidanzato Fabrizio Corona iniziando a pensare ai primi progetti futuri da condividere, in primis l’idea di una famiglia. Uscito dal carcere di San Vittore lo scorso 21 febbraio 2018, Corona dovrà essere trasferito in comunità per intraprendere una terapia, ma il futuro della coppia si inizia a tingere di nuove sfumature.

Ora che Silvia Provvedi e Fabrizio Corona possono di nuovo stare insieme, in tanti si chiedono se i due siano pronti per le nozze o per l’arrivo di un figlio: nessuna delle ipotesi è da escludere, ma per il momento preferiscono procedere con calma, senza bruciare le tappe. In un’intervista rilasciata al settimanale Chi in edicola domani, 28 febbraio 2018, la Provvedi parla proprio della nuova vita del fidanzato, del percorso di recupero, dei finti amici di Corona e dei progetti di vita insieme, ora finalmente realizzabili.

Leggi anche: Silvia Provvedi a Verissimo: ‘Amo Fabrizio nel bene e nel male’

Silvia Provvedi: ‘Le nozze con Fabrizio Corona? Per ora…’

L’idea di un figlio o delle nozze, dunque, sembra non essere completamente esclusa dai progetti futuri di Silvia Provvedi e Fabrizio Corona.

Riguardo al matrimonio, la cantante del duo Le Donatella ha spiegato: ‘Per ora sistemiamo casa, magari la allarghiamo’, mentre non ha rinnegato il pensiero di poter ampliare la famiglia insieme al fidanzato chiudendo la domanda con un laconico ‘vedremo’.

Per il momento, la priorità resta il ritorno alla vita reale di Corona, nonostante le numerose restrizioni cui è stato sottoposto e il percorso terapeutico nella comunità Alba di Bacco.

Leggi anche: Condanna di Corona: le reazioni di Silvia Provvedi e Nina Moric

Fabrizio Corona dopo il carcere riparte dalla comunità

‘Da dove ricomincia Fabrizio? Da alcune privazioni, da altre soddisfazioni’ – ha chiarito Silvia – ‘Niente interviste, niente social, niente ‘mondanità’, niente ristoranti. Per lui si sono spalancate le porte di un centro di recupero’.

Qui, Corona trascorrerà parte delle sue giornate dedicandole al lavoro e all’assistenza di chi soffre di dipendenze.

‘All’interno dell’istituto, dove trascorrerà parte della sua giornata, potrà dedicare tre ore alla sua attività professionale, cioè potrà lavorare’ – ha raccontato Silvia Provvedi – ‘Invece due volte alla settimana farà visita allo Smi, l’istituto che cura chi soffre di dipendenze’.

La fidanzata di Fabrizio Corona, tuttavia, non dimentica il momento in cui ha potuto riabbracciarlo fuori dal carcere di San Vittore e, senza mezzi termini, critica tutti coloro che si sono professati suoi ‘amici’.

‘Questa volta, quando Fabrizio è stato scarcerato, eravamo io, mia sorella Giulia, i fotografi e un suo amico’ – ha specificato – ‘E gli altri amici? Tutti primi al traguardo del suo cuore, ma soltanto a parole’.

View this post on Instagram

«Fabrizio, cioè il mio fidanzato, lo scorso 21 febbraio, ha lasciato il carcere di San Vittore dopo 16 mesi di galera». Così, sul numero di Chi in edicola domani, inizia il lungo diario che Silvia Provvedi, fidanzata di Fabrizio Corona, ha voluto affidare al settimanale diretto da Alfonso Signorini. «Da dove ricomincia Fabrizio? Da alcune privazioni, da altre soddisfazioni. Niente interviste, niente social, niente “mondanità”, niente ristoranti. Per lui si sono spalancate le porte di un centro di recupero: la comunità Alba di Bacco. All’interno dell’istituto, dove trascorrerà parte della sua giornata, potrà dedicare tre ore alla sua attività professionale, cioè potrà lavorare. Invece due volte alla settimana farà visita allo Smi, l’istituto che cura chi soffre di dipendenze». E poi la fidanzata di Corona svela: «Questa volta, quando Fabrizio è stato scarcerato, eravamo io, mia sorella Giulia, i fotografi e un suo amico. E gli altri amici? Tutti primi al traguardo del suo cuore, ma soltanto a parole. Non chiedetevi se abbiamo fatto l’amore perché è stato come la prima volta. Le nozze? Per ora sistemiamo casa, magari la allarghiamo. La famiglia, vi starete chiedendo? Vedremo» #fabriziocorona

A post shared by Gabriele Parpiglia (@gabrieleparpiglia) on