Pomeriggio 5, Sylvie Lubamba libera dopo il carcere: ‘Come rubavo i soldi’

La showgirl congolese divenuta famosa grazie allo show di Piero Chiambretti, è stata ospite di Barbara D'Urso durante la puntata del 16 gennaio 2018 di Pomeriggio 5. Sylvie Lubamba, tornata libera dopo quasi quattro anni di carcere, ha spiegato come è riuscita a rubare i soldi utilizzando le carte di credito di amici e sconosciuti.

Pubblicato da Luana Rosato Mercoledì 17 gennaio 2018

Pomeriggio 5, Sylvie Lubamba libera dopo il carcere: ‘Come rubavo i soldi’

Barbara D’Urso ha ospitato a Pomeriggio 5 Sylvie Lubamba, tornata libera dopo quasi quattro anni di carcere a Rebibbia. La showgirl di origini congolesi, infatti, era stata arrestata nel 2014 per aver rubato soldi utilizzando carte di credito di sconosciuti o suoi amici. Nel salotto di Canale 5, quindi, la Lubamba ha spiegato quali tecniche usava per derubare definendo quei periodi ‘due anni di follia’.

Con estrema tranquillità e serenità, Sylvie Lubamba ha spiegato ai microfoni di Pomeriggio 5 cosa è accaduto prima dell’arresto da parte della polizia di Milano. ‘Si parla di sedici anni fa’ – ha specificato la showgirl, che ha approfittato della disponibilità di Barbara D’Urso per fare delle rettifiche in merito al suo caso: ‘Sono stata condannata e sette anni e due mesi, poi grazie alla buona condotta e a due camere di consiglio che sono andate bene […] ho scontato tre anni e quattro mesi’ – ha chiarito la Lubamba, dichiarando di essere finita in carcere per una sua trascuratezza – ‘Per 12 anni mi arrivavano le notifiche a casa e io non le guardavo, le gettavo in un angolo. Non ho mai contattato un avvocato d’ufficio e alcune sentenze sono andate avanti’.

Leggi anche: Sylvie Lubamba arrestata: rubava i soldi agli amici

Sylvie Lubamba: ‘E’ vero che usufruivo della carte di credito di altri’

Pur essendo stata condannata a più di sette anni di carcere per una sua trascuratezza, Sylvie Lubamba ha ammesso di essere colpevole del reato che le è stato imputato.

Per anni, infatti, la congolese ha usufruito dei numeri di carte di credito di persone che non erano sue amiche e con le quali trascorreva le serate nei locali.

Ma qual era la tecnica usata da Sylvie per derubare gli sconosciuti? ‘Prendevo il numero della carta di credito e la scadenza e usufruivo dei pagamenti di sconosciuti’ – ha spiegato, sottolineando di aver commesso i reati prima di iniziare a lavorare nello show di Piero Chiambretti.

‘Dal 2002 al 2004 ho vissuto due anni di follia’ – ha ammesso la ex showgirl, spiegando nel dettaglio come riusciva ad usufruire del denaro altrui.

‘Venivo invitata ad esempio ad una festa in un locale […] Si beveva champagne e quando il titolare del tavolo pagava spesso dimenticava di mettere in tasca lo scontrino’ – ha ricordato la Lubamba – ‘Allora a fine serata lo prendevo io, lo accartocciavo e lo nascondevo nel reggiseno. Poi in camera usavo i numeri delle carte di credito e le scadenze’.

Sylvie Lubamba ricorda: ‘La prima volta ho regalato una vacanza alla famiglia’

Ma cosa faceva Sylvie Lubamba con i soldi rubati agli sconosciuti? Oltre a spenderli in acquisti online per viaggi, vacanze e alberghi, la congolese ha ricordato di aver regalato una vacanza a tutta la sua famiglia con il primo bottino.

Ad oggi, però, non è noto l’ammontare del denaro di cui si è appropriata indebitamente Sylvie che, candidamente, ha ammesso di non aver mai fatto una stima dell’incasso.

Leggi anche: Papa Francesco incontra Silvye Lubamba a Rebibbia per la lavanda dei piedi