Carla Bruni a Verissimo: ‘Il dolore per la morte di mio fratello non passa’

Bella intervista di Carla Bruni a Verissimo in cui ha parlato di tanti argomenti, dal dolore mai sopito per la prematura morte del fratello, avvenuta nel 2006, allo splendido rapporto con suo marito Nicolas Sarkozy, l'ex Presidente della Repubblica Francese.

Pubblicato da Raffaele Dambra Giovedì 4 gennaio 2018

Carla Bruni a Verissimo: ‘Il dolore per la morte di mio fratello non passa’
Carla Bruni e Silvia Toffanin negli studi di Verissimo. / Ufficio stampa Mediaset

L’amore per il marito, l’ammirazione per la madre e la sorella, il dolore per il fratello morto a soli 47 anni: sono questi i temi di cui parlerà Carla Bruni a Verissimo, nell’intervista esclusiva che l’ex première dame di Francia ha concesso a Silvia Toffanin per la puntata del suo talk show che andrà in onda sabato 6 gennaio 2018 su Canale 5. Abituati a vederla algida e distante sulle copertine dei più grandi magazine del mondo e nelle occasioni pubbliche a fianco di Nicolas Sarkozy, Carla Bruni si mostrerà stavolta in una veste completamente inedita, sorprendendo per disponibilità e schiettezza.

‘Sono molto innamorata di mio marito’, ha spiegato Carla Bruni a Silvia Toffanin, ‘Nicolas mi protegge e sostiene, inoltre è un papà affettuosissimo ed è sempre pieno di energia e forza’. Parole dolci come il miele accompagnate però, tra il serio e il faceto, da un severo monito: ‘Se scopro che mi tradisce lo ammazzo!’

Sarkozy, occhio a rigar dritto: uomo avvisato…

Poi l’intervista di Carla Bruni a Verissimo ha toccato un argomento decisamente più amaro e cupo per l’ex top model: la morte, avvenuta nel 2006, di suo fratello Virginio Bruni Tedeschi. ‘È un dolore che non passa, nonostante siano ormai trascorsi tanti anni. Quando è morto ero molto preoccupata per mia madre (la pianista e attrice Marisa Borini, oggi 87enne, ndr) perché credo che per una mamma non ci possa essere di peggio che perdere un figlio. Ma lei ha una forza vitale incredibile’.

Nato nel 1959, Virginio Bruni Tedeschi, primogenito della Borini e di suo marito Alberto Bruni Tedeschi (che però non è il padre biologico di Carla, essendo quest’ultima nata da una relazione adulterina della madre con l’imprenditore Maurizio Remmert), era un fotografo e promotore d’arte con la passione della navigazione, morto nel 2006 a 47 anni per complicazioni dovute al virus HIV. Alla sua figura l’altra sorella Valeria Bruni Tedeschi, attrice e regista di fama europea, ha dedicato nel 2013 il film ‘Un castello in Italia’, chiaramente ispirato a sue vicende personali e familiari.

Nel prosieguo dell’intervista a Verissimo, che, ripetiamo, verrà trasmessa integralmente sabato 6 gennaio dalle 16:10 su Canale 5, Carla Bruni ha ricordato anche il suo grande amico Gianni Versace (‘Mi manca ancora, a noi modelle ci trattava benissimo, come se fossimo la sua famiglia. Per lui la donna era una star, non una vittima’) e ha anticipato che il suo prossimo album di canzoni sarà in italiano.