Mara Venier su Jerry Calà: ‘Tradita il giorno del matrimonio, l’ho beccato con un’altra’

Ospite di Verissimo sabato 21 ottobre 2017, Mara Venier ha ricordato tutti i grandi amori del suo passato e raccontato un aneddoto sulla sua vita con Jerry Calà. L'attore la tradì nel giorno in cui stavano festeggiando le nozze, ma ad oggi i due hanno un rapporto molto forte e lei lo considera il 'fratello che non ha mai avuto'. Nella vita della Venier, inoltre, anche abusi psicologici e non solo da parte di un compagno.

Pubblicato da Luana Rosato Lunedì 23 ottobre 2017

Mara Venier su Jerry Calà: ‘Tradita il giorno del matrimonio, l’ho beccato con un’altra’

Ospite di Verissimo, Mara Venier ha raccontato un aneddoto sulla sua vita con Jerry Calà, che la tradì proprio nel giorno del matrimonio. Nonostante le continue scappatelle dell’attore, ad oggi i due sono grandi amici e la Venier lo definisce il ‘fratello che non ha mai avuto’. Le interviste di ‘zia Mara’, però, sono in grado di stupire sempre e l’attuale giudice popolare di Tu sì que vales ha svelato dettagli anche molto privati del suo passato.

Oltre alla vita – ‘che era sempre un gioco’ – con Jerry Calà, Mara Venier ha ricordato tutti i suoi amori più grandi: dal primo marito Francesco a Renzo Arbore, raccontando anche una triste vicenda che l’ha vista legata ad una persona dalla quale ha ‘subito violenze psicologiche e non solo’. Una vita piena, intensa e – a volte – assai difficile quella della Venier che, nonostante le avversità e i momenti non sempre felici, riesce a ricordare tutto con un sorriso e lo sguardo rivolto verso il futuro. Perché, col senno di poi e con un po’ di maturità in più, si riescono a trarre dei grandi insegnamenti dagli errori del passato.

Leggi anche: Mara Venier a L’Intervista: ‘Con Renzo Arbore 12 anni di amore e una gravidanza interrotta’

Mara Venier: ‘Ho riempito di botte Jerry Calà’

Fa sorridere, tuttavia, il modo in cui Mara Venier ricorda il rapporto con Jerry Calà: il matrimonio, che venne celebrato a Las Vegas, durò pochissimo e la relazione con lui fu davvero turbolenta.

‘Con Jerry la vita era sempre un gioco’ – ha confidato la Venier a Silvia Toffanin nel salotto di Verissimo – ‘Lui me ne faceva sempre di tutti i colori ed era un vero e proprio put******’.

I due, che si conobbero nel 1978, periodo di maggiore successo dell’attore, hanno vissuto un legame particolare: ‘Litigavamo, sai quante botte ho dato a Jerry’ – ha confidato alla conduttrice, raccontando un aneddoto del passato che riassume il matrimonio con Calà e il suo modo di essere ai tempi.

‘Un giorno abbiamo detto: andiamo a fare un viaggio e ci sposiamo a Las Vegas. Quindi torniamo in Italia, andiamo a Castiglioncello dai nostri amici e facciamo una grandissima festa per il matrimonio’.

Così, Mara Venier ricorda la festa delle nozze con Jerry Calà: ‘Alle due di notte non lo trovo, vado giù nei bagni e lo trovo con una! Gli ho dato tante di quelle mazzate a lui e a lei e poi ho detto ‘basta! Annulliamo il matrimonio’.

Ad oggi, però, il rapporto tra Mara e Jerry è fraterno e lei considera Calà il suo migliore amico, una persona della quale potersi sempre fidare, al di là delle ‘marachelle’ che ha combinato ai tempi della loro unione.

Leggi anche: Mara Venier: ‘Lasciare la televisione? Bisogna dare spazio ai giovani. Vorrei Fiorello a Sanremo’

Mara Venier a Verissimo: ‘Sono una tigre, ma sono molto fragile’

Ricordando con affetto Jerry Calà e tutti i suoi più grandi amori, Mara Venier ha confidato a Silvia Toffanin un triste episodio del suo passato sentimentale.

‘Sono una tigre, ma sono molto fragile. E la mia fragilità è dovuta al mio passato’ – ha svelato l’attrice e conduttrice su Canale 5 – ‘Ho subito delle violenze psicologiche e non solo da un mio compagno, perciò ho cominciato a volermi difendere’.

‘Non ne ho mai parlato, è la prima volta’ – ha proseguito Mara Venier, che ha lanciato un messaggio a tutte coloro che vivono una relazione difficile come lo è stata la sua.

‘Col senno di poi dico che bisogna reagire perché chi ti ama non può ferirti, non può essere aggressivo. Al primo schiaffo bisogna denunciare, ma allora ero troppo giovane e non avevo il coraggio. Se mi capitasse adesso, povero lui…’.