Tumore al seno: nuova terapia dà risultati incoraggianti

Il nuovo farmaco ha dato risultati positivi nel trattamento del carcinoma mammario e viene anche testato in altri tipi di cancro al seno, cancro alla vescica e cancro alla prostata.

Pubblicato da Kati Irrente Giovedì 21 febbraio 2019

Tumore al seno: nuova terapia dà risultati incoraggianti
Foto Pixabay

L’impiego di un nuovo “farmaco intelligente” ha mostrato risultati promettenti su donne con carcinoma mammario triplo negativo metastatico. I dati sono stati raccolti in uno studio redatto dopo un trial clinico tenuto presso il NewYork-Presbyterian / Columbia University Herbert Irving Comprehensive Cancer Center e altri centri. Il tutto è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Il carcinoma mammario triplo negativo è una malattia aggressiva ed è più comune, rispetto ad altri tumori al seno, nelle giovani donne e nelle donne afro-americane.

Dal momento che i tumori al seno triplo-negativi non esprimono il recettore dell’estrogeno, il recettore del progesterone o l’HER2, i trattamenti usati finora includevano solo la chemioterapia per il carcinoma mammario triplo negativo e la terapia non mirata, come la terapia ormonale o Herceptin.

Una nuova terapia presto disponibile

La novità ora sta proprio in questa nuova sperimentazione. Il farmaco usato è sacituzumab govitecan, che fa parte di una classe emergente di “farmaci intelligenti” progettati per agire direttamente sulle cellule tumorali.

Il farmaco è una fusione di un anticorpo che riconosce una proteina espressa dalle cellule del cancro al seno nota come trop2 e il metabolita di un farmaco chemioterapico stabilito (irinotecan), SN-38. L’anticorpo rilascia SN-38 direttamente nella cellula tumorale.

Il farmaco è stato testato su 108 donne con carcinoma mammario triplo negativo metastatico che avevano già avuto due o più regimi di trattamento precedenti. In genere quando un paziente ha iniziato il suo terzo o quarto trattamento, la possibilità di una risposta positiva è bassa. Sacituzumab govitecan, tuttavia, ha prodotto un tasso di risposta migliore nei pazienti pretrattati rispetto a terapie standard precedenti.

Risultati convincenti

“Penso che questo farmaco abbia il potenziale di far cambiare il trattamento antitumorale da questo momento in poi, perché i dati sembrano molto convincenti, anche con il numero relativamente piccolo di pazienti su cui è avvenuta la sperimentazione”, dice il dottor Kevin Kalinsky della Columbia University, oncologo al NewYork-Presbyterian / Columbia University Irving Medical Center, e l’autore senior dello studio.

Kalinsky afferma che “con questo farmaco intelligente, possiamo fornire una dose molto più alta del carico utile a distruggere il carcinoma poiché la inviamo direttamente alle cellule cancerose”. “C’è una necessità insoddisfatta per i pazienti con carcinoma mammario triplo negativo metastatico, e vediamo una riduzione significativa del tumore con questa nuova terapia”, aggiunge Kalinsky.

Complessivamente, il 33% dei pazienti ha risposto al farmaco; la durata mediana della risposta è stata di 7,7 mesi; e la sopravvivenza globale mediana è stata di 13 mesi. [Nota: lo studio ha testato solo il sacituzumab govitecan; è in corso uno studio clinico randomizzato di Fase II / III che confronta sacituzumab govitecan con altri farmaci].

“Abbiamo visto una significativa riduzione del tumore con il farmaco, e il cancro ha impiegato più tempo per progredire rispetto ad altri farmaci comunemente usati per il trattamento del carcinoma mammario triplo negativo metastatico”, afferma Kalinsky. Nove responder a lungo termine sono rimasti liberi dalla progressione della malattia per oltre un anno.

Ridotti effetti collaterali

“Avere tumori più piccoli può essere incredibilmente significativo per la qualità della vita di un paziente”, aggiunge Kalinsky. “Quando i tumori si restringono, i pazienti hanno maggiori probabilità di sperimentare un miglioramento dei sintomi, come il dolore”.

I principali effetti indesiderati osservati nello studio sono stati perdita di capelli, diarrea e stanchezza, ma solo il 3% dei pazienti ha dovuto interrompere l’assunzione del farmaco a causa di eventi avversi.

“È importante sottolineare che il farmaco non ha causato neuropatia, intorpidimento e formicolio che può essere piuttosto doloroso e limitante per i pazienti”, afferma Kalinsky. “La neuropatia può rendere difficile vestirsi, o anche camminare, è promettente avere un trattamento attivo che non ha la neuropatia come effetto collaterale”.

La ricerca prosegue

“Siamo entusiasti di aver partecipato allo sviluppo iniziale di questo nuovo farmaco, che speriamo cambierà il paradigma terapeutico per i pazienti con carcinoma mammario triplo negativo metastatico”, afferma Gary Schwartz, capo di ematologia / oncologia presso NewYork-Presbyterian / Columbia University Irving Medical Center e vicedirettore del NewYork-Presbyterian / Columbia Herbert Irving Comprehensive Cancer Center.

Intanto la ricerca prosegue, il farmaco viene anche testato nella terapia di altri tipi di cancro al seno, cancro alla vescica e cancro alla prostata. Il documento cui si riferisce questo articolo è stato pubblicato online sul New England Journal of Medicine.