Listeria e salmonella: 12 consigli per evitare intossicazioni alimentari

Salmonella, Listeria monocytogenes, Escherichia Coli e altri batteri: ecco una serie di consigli per evitare di portare a tavola questi ospiti inattesi e sgraditi

da , il

    salmonella
    FOTO | pixabay / batteri di salmonella al microscopio elettronico

    Le segnalazioni di prodotti alimentari ritirati dalla vendita per contaminazioni batteriche sono in aumento, ma il pericolo non viene solo dall’industria, anche noi possiamo evitare di fare errori mentre cuciniamo. Ed ecco di seguito un comodo e chiaro decalogo con preziosi consigli su come fare per evitare intossicazioni alimentari dovuti all’ingestione di alimenti contaminati da listeria monocytogenes, salmonella e altri batteri che possono essere davvero molto dannosi per la salute.

    (Fonti: EFSA, autorità europea per la sicurezza alimentare, NSF International e OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità)

    Pulire bene gli alimenti

    romanesco
    FOTO | pixabay

    Primo consiglio in assoluto per evitare contaminazioni da listeria e salmonella è pulire molto bene i prodotti alimentari prima di portarli in tavola. Frutta e verdura vanno lasciati in ammollo con il bicarbonato e risciacquati più volte in acqua pulita prima di consumarli. Non ha senso lavare i cibi se poi si devono mettere in frigo, anzi, così facendo si possono sviluppare patogeni.

    Non mischiate alimenti cotti e crudi

    alimenti crudi e cotti
    FOTO | pixabay

    Non mettete mai insieme alimenti cotti e crudi, né mescolate in un unico piatto alimenti vegetali e proteine animali.

    Non lavare carne e pesce se non li cucinate subito

    pollo
    FOTO | pixabay

    Evitate accuratamente di lavare il pesce e la carne se non li cucinate subito, soprattutto quella di polli e altri volatili. E provvedete sempre a una corretta conservazione, in frigo o freezer.

    Mettere gli alimenti sotto vuoto

    sottovuoto
    FOTO | pixabay

    Per evitare che le provviste alimentari vadano a male troppo presto, generando batteri, mettete gli alimenti sotto vuoto prima di riporli in frigo, in freezer o in dispensa. L’ossigeno è infatti indispensabile per molti batteri, senza il quale muoiono.

    Usare utensili e stoviglie puliti e sanificati

    tagliere
    FOTO | pixabay

    Quando maneggiate frutta e verdura da portare in tavola usate sempre stoviglie e utensili pulitissimi. Anche gli strofinacci con cui asciugate le mani o le pentole devono essere puliti, quindi frequentemente cambiati.

    Cuocere gli alimenti

    carne cruda
    FOTO | pixabay

    Il forte calore uccide i batteri, quindi se potete cuocete tutti gli alimenti e consumate tutto subito, senza produrre avanzi.

    Evitate cotture lente

    cottura lenta
    FOTO | pixabay

    A meno che non abbiate in casa strumenti da chef per creare sottovuoto e abbattere le temperature delle pietanze per garantire l’igiene alimentare, evitate di cuocere lentamente i cibi, cioè a una temperatura inferiore ai 100 gradi. Listeria e salmonella non muoiono sotto ai 100 gradi.

    Evitate il microonde

    microonde
    FOTO | pixabay

    Temperature sotto i 70°C e una cottura irregolare mantengono in vita i batteri della carne come la salmonella che sono pericolosi per l’uomo e causano intossicazioni.

    Non scongelate a temperatura ambiente

    cibi alimenti
    FOTO | pixabay

    Mettete il cibo da cuocere direttamente dal freezer in padella, o in forno o al barbecue. Non scongelate a temperatura ambiente e non lasciate ‘all’aria’ gli alimenti crudi.

    Cuocete bene la carne, evitatela ‘al sangue’

    bistecca
    FOTO | pixabay

    La cottura della carne deve essere completa, specialmente se si parla di carne macinata come nel caso degli hamburger, che può veicolare l’Escherichia Coli e altri batteri. Evitate la ‘bistecca al sangue’, a meno che non conoscete personalmente i passaggi della filiera.

    Evitare cibi che costano troppo poco

    spesa
    FOTO | pixabay

    Presso i supermercati anche famosi della grande distribuzione si possono acquistare cibi a prezzi molto bassi ma spesso è la qualità a essere compromessa. Non fidatevi di quegli alimenti che vengono venduti a un prezzo davvero troppo basso e conveniente, perché potrebbe nascondere brutte sorprese.

    Evitate sushi e carpacci ‘low cost’

    tartare salmone
    FOTO | pixabay

    Se amate le crudità come sushi, carpacci e tartare di pesce e carne andate a mangiarli in ristoranti rinomati, e non nei low cost. Pagherete un po’ di più ma – in proporzione – eviterete altre brutte sorprese.