Farmaci falsificati: allerta OMS su due antibiotici contraffatti

L’OMS raccomanda di utilizzare solo medicinali provenienti da fonte certa e autentica, e in caso di dubbi di rivolgersi ad un professionista sanitario qualificato

Pubblicato da Kati Irrente Martedì 13 marzo 2018

Farmaci falsificati: allerta OMS su due antibiotici contraffatti
Foto Pixabay
via Pixabay / foto

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha diffuso due allerte per altrettanti farmaci falsificati che sono stati posti in commercio ma che non presentano tracce di principio attivo. I farmaci in questione sono due tipi di antibiotici, nello specifico si tratta di Cefixime e Augmentin. Sia il Cefixime che l’Augmentin sono usati per trattare una vasta gamma di infezioni batteriche e sono nell’elenco delle medicine essenziali dell’OMS. La quale ha provveduto a diffondere l’allerta oltre che raccomandare di utilizzare solo medicinali provenienti da fonte certa e autentica. In caso di dubbi si consiglia di rivolgersi ad un professionista sanitario qualificato.

CEFIXIME CONTRAFFATTO

L’allerta dell’OMS sul farmaco CEFIXIME riguarda la circolazione nella parte occidentale della Repubblica Democratica del Congo (South Kivu), di 2 versioni dell’antibiotico falsificate.
I prodotti farmaceutici identificati sono stati testati in laboratorio e non è stata ritrovata alcuna traccia dell’antibiotico Cefixime o la presenza in percentuali inferiori rispetto a quanto indicato sulla confezione.
Come riconoscere i farmaci falsificati? I due farmaci falsificati si presentano in 2 contenitori di plastica da 100 compresse. L’etichetta mostra errori di ortografia.

AUGMENTIN CONTRAFFATTO

L’allerta dell’OMS sul farmaco AUGMENTIN riguarda la circolazione a Douala, in Camerun, di una versione contraffatta di Augmentin (Amoxicillina + Acido Clavulanico). Anche in questo caso il farmaco non contiene nessuno degli ingredienti attivi previsti dalla sua formulazione originale, e l’etichetta del prodotto mostra errori di ortografia.
Come riconoscere i farmaci falsificati? Nello specifico, il farmaco falsificato si presenta in una confezione di carta, contenente due blister da 7 cp.

Anche se finora non sono state segnalate all’OMS reazioni avverse, la stessa ha richiesto di aumentare le attività di vigilanza nei Paesi in cui potrebbero circolare i prodotti falsificati, in particolare in ospedali, cliniche, centri sanitari, distributori, farmacie e tutti gli altri fornitori di prodotti medicali.

L’OMS raccomanda di utilizzare solo medicinali provenienti da fonte certa e autentica, e in caso di dubbi di rivolgersi ad un professionista sanitario qualificato