Alzheimer: la progressione della malattia vista attraverso il lavoro all’uncinetto

Cosa vuol dire avere a che fare con il morbo di Alzheimer? Lo spiega un uomo, attraverso la foto del lavoro all'uncinetto, a un certo punto incompleto, della mamma malata

Pubblicato da Francesco Minardi Giovedì 30 novembre 2017

Alzheimer: la progressione della malattia vista attraverso il lavoro all’uncinetto

Anziani al parco / ansa
Cosa vuol dire avere a che fare con il morbo di Alzheimer? Lo spiega un uomo, su Reddit, con la foto che racconta il lavoro all’uncinetto della mamma malata. Lavoro a un certo punto incompleto.
L’immagine ha un titolo eloquente: “La progressione dell’Alzheimer di mia madre vista attraverso il suo lavoro all’uncinetto”.
A postarla, prima su Facebook e poi su Reddit, è stato un utente che ha voluto raccontare l’evoluzione della malattia nella mamma che amava lavorare con l’uncinetto. Finché non le è diventato impossibile.

«Quando mi sono imbattuto nel lavoro all’uncinetto che faceva durante i primi stadi di Alzehimer, mi sono reso conto che era una metafora del suo soccombere alla malattia – spiega l’utente “wuillermania” – I quadrati rappresentano la sua progressione nel corso del primo e del secondo anno, la fase precoce».

A un certo punto, infatti, con il peggioramento dell’Alzehimer, la madre (54 anni quando ha scoperto di essere malata) ha iniziato a tralasciare parti importanti del lavoro: «Per un po’ ha fatto i quadrati, poi i cerchi, poi piccoli pezzi senza forma, finché non è arrivata al punto in cui si portava dietro gli aghi e il filo senza lavorare più».

«Ho imparato che l’Alzeheimer, come per molte cose, è qualcosa che non puoi capire davvero finché non lo vivi», ha detto l’uomo. La madre oggi ha 66 anni ed è ancora viva.