Piero Fassino

Piero Fassino, classe 1949, è un esponente di spicco del PD nonché ex sindaco di Torino, che domenica 19 giugno 2016 ha perso la sfida elettorale con il volto giovane del Movimento 5 Stelle, Chiara Appendino. Piero Fassino nasce ad Avigliana, in provincia di Torino, in una famiglia di stampo socialista. Ha studiato all’Istituto Sociale di Torino, mostrando sin da subito una forte passione per la politica. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze Politiche, nel 1968, si è iscritto alla Federazione giovanile comunista torinese. La sua carriera politica è iniziata ufficialmente nel 1975, quando è stato eletto Consigliere Comunale a Torino e Consigliere Provinciale, nel 1985. Dal 1987 al 1991 è diventato membro della Segreteria nazionale del PCI, prima in veste di coordinatore della Segreteria e poi come responsabile dell'organizzazione, nel periodo di trasformazione del PCI in Partito Democratico della Sinistra. Eletto parlamentare alla Camera dei deputati dal 1994, ha svolto il ruolo di Sottosegretario agli Esteri nel governo Prodi, Ministro del Commercio Estero nel governo D'Alema e Ministro della Giustizia nel governo Amato. Nel 2009 il segretario del PD Dario Franceschini lo ha nominato presidente nazionale del forum esteri del partito, confermato anche dal successore Bersani. Dal 2011 al 2016 è stato sindaco del capoluogo piemontese.

PER APPROFONDIRE
Chi è Piero Fassino
Le foto di Piero Fassino
Il programma elettorale di Piero Fassino

I politici italiani e l’inglese: un rapporto difficile

I politici italiani e l’inglese: un rapporto difficile

Quello dei politici italiani con l'inglese è da sempre un rapporto difficile. Da Renzi a Berlusconi, passando per l'indimenticabile “plis visit itali” di Rutelli e l'autoironico La Russa, ecco i video più esilaranti.

Direzione Pd, Renzi lotta con la minoranza

Direzione Pd, Renzi lotta con la minoranza

Dopo la chiara sconfitta del Partito Democratico alle amministrative di giugno il partito si è riunito per fare il punto della situazione e isolare le criticità, ma c'è tensione tra il premier e la minoranza PD.

Pagina 1 di 3