Salvini e la legge Fornero: ‘Più dicono che non si può, più voglio smontarla’

Matteo Salvini tira dritto sulla modifica della legge Fornero considerata 'profondamente sbagliata' e annuncia stanziamenti fino a 8 miliardi

Pubblicato da Kati Irrente Lunedì 24 settembre 2018

Salvini e la legge Fornero: ‘Più dicono che non si può, più voglio smontarla’
/ ansa

“Girando l’Italia in questi mesi mi sono preso un impegno morale. Il maggior investimento della manovra economica che abbiamo fatto è per comunicare a smontare la legge più infame che il Parlamento ha votato secondo me negli ultimi anni che è la legge Fornero, che ha rovinato milioni di italiani”. Sono precise le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che alla festa della Lega in Friuli Venezia Giulia, a Pradamano, in provincia di Udine sostiene il suo programma sulla riforma delle pensioni: “In questi tre mesi di governo mi hanno detto e ci hanno detto che non si può: la Corte dei Conti, l’Inps, L’Istat, la Commissione europea, qualcuno al Ministero. Più lo dicono e più io sono convinto che si debba smontare la legge Fornero pezzo per pezzo”, ha aggiunto il ministro leghista, dichiarando che sono già stati predisposti almeno 8 miliardi di euro in questa manovra economica per intervenire sulla legge in questione.

E ospite di ‘Non è l’Arena’ su La7, Matteo Salvini ribadisce il suo impegno per cambiare radicalmente la legge Fornero: “Mandare in pensione la gente a 70 anni è sbagliato. La sua legge è stata profondamente sbagliata perché ha rovinato milioni di italiani di 60 anni, di 70 anni, di 20 anni. Quindi io la devo cancellare”. In manovra “ci sarà l’impegno più pensante, di 6-7 miliardi”, ha aggiunto Salvini.

Che è consapevole di avere bisogno di tempo per realizzare i suoi propositi: “E’ chiaro che non pretendiamo di fare in 5 mesi quello che altri non hanno fatto in 5 anni: questo lo capiscono anche gli italiani. Abbiamo il contratto di governo che dura 5 anni, non moltiplichiamo pani e pesci. Non è che l’anno prossimo mandiamo in pensione tutti, abbassiamo le tasse a tutti. Però sulla Fornero faremo l’investimento più pesante che sono 6, 7, 8 miliardi e io li spendo a prescindere dallo zero virgola, primo perché è giusto mandare in pensione gente che ormai ha la schiena rotta, secondo perché si libereranno posti di lavoro”.

Via la Fornero, sì al ritorno del servizio militare

“Occorre reintrodurre l’educazione civica nelle scuole”, dice ancora il vicepremier leghista ospite a ‘Non e’ l’Arena’ su La7. “Io penso che qualche mese di servizio civile e militare potrebbe insegnare uno spirito di sacrificio e di disciplina”, afferma il ministro dell’Interno per il quale “c’è una generazione che aspetta da tanto” la propria occasione per dimostrare le proprie capacità. Proprio grazie alla cancellazione della legge Fornero si apriranno nuove possibilità di lavoro e “finalmente ci saranno 300 o 400 mila giovani che invece di scappare potranno costruirselo in Italia in loro futuro. Ai diritti però – avverte Salvini – dovranno essere affiancati i doveri”.