Carfagna, Ventura e il compleanno di Mattarella: lo scambio su Twitter fa ridere tutti

Battuta o gaffe? Lo scambio di tweet tra Mara Carfagna e Simona Ventura è esilarante

Pubblicato da Kati Irrente Martedì 24 luglio 2018

Carfagna, Ventura e il compleanno di Mattarella: lo scambio su Twitter fa ridere tutti
combo da / ansa

Per fare gli auguri al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Mara Carfagna (Forza Italia), vicepresidente della Camera dei Deputati, ha scritto un tweet con tanto di elogi e complimenti. Tweet al quale ha risposto poi la regina della tv Simona Ventura, innescando una sorta di fraintendimento che ha generato tante risate tra gli utenti del web. A sua volta la Carfagna è poi ritornata sull’argomento chiarendo che si è trattato di una battuta e non di una gaffe… Ecco i dettagli del curioso siparietto.

Auguri presidente!

Mara Carfagna ha fatto gli auguri al presidente della Repubblica Sergio Mattarella che il 23 luglio compie gli anni (77).

Lo ha fatto su Twitter, pubblicando questo messaggio


“Tanti auguri al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per i suoi 77 anni. Il Quirinale trova in lui ogni giorno un perfetto interprete della carta costituzionale”.

Subito dopo il commento di Simona Ventura, che in maniera secca twitta la domanda: “È leone?”.

E qui è il nodo cruciale della vicenda, con Carfagna che puntualizza, con tanto di emoticon: “No. Il presidente Leone ha concluso il suo mandato nel 1978”.

Simona Ventura dopo qualche ora ribatte, per chiarire: “Segno del Leone!! ti abbraccio”.

Dopo un giorno dal ”fattaccio” e dopo che lo scambio di battute tra Carfagna e Ventura sul compleanno e il conseguente segno zodiacale del presidente della Repubblica Sergio Mattarella è diventato argomento virale sui social italiani, la vicepresidente della Camera ha ritenuto necessario tornare sull’argomento, lanciando un altro tweet in cui si chiede, quasi incredula

”Ma veramente avete scambiato una battuta per una gaffe? No dai, non ci credo! Comunque grazie… fa più cuoricini una battuta che una proposta di legge”.