Luigi Di Maio e la lingua italiana: lo scontro continua fra accellerazioni e decellerazioni

Il capo politico del MoVimento 5 Stelle continua a prendere a schiaffi la grammatica: in un post pubblicato sul Blog delle Stelle tre errori scatenano l'ilarità degli internauti

da , il

    Nell’epico ed eterno scontro fra Luigi Di Maio e la lingua italiana, spesso prevale quest’ultima. L’onestà andrà anche di moda, ma la grammatica non andrebbe mai dimenticata in soffitta.

    Oggi parliamo delle ultime vittime lessicali del capo politico del M5S: i termini “accellerazioni”, “decellerazioni” ed “elevatura” ai quali evidentemente è stata aggiunta una lettera di troppo perché, si sa, melius est abundare quam deficere. Di Maio ha pubblicato un post sul Blog delle Stelle per promuovere la manifestazione del 2 giugno e fare il punto sulle prospettive del governo legastellato. Prima della correzione, c’era un doppio errore ortografico contenuto nello stesso rigo.

    Ecco il testo incriminato: “Lo so che è dura, e lo so che non se ne può più, perché sono oltre 80 giorni che subite come cittadini questi continui, queste continue acceLLerazioni e deceLLerazioni”. Qui è sfuggita una L di troppo in entrambe le parole.

    Qualche rigo più su, un altro pasticcio lessicale: “Il ragionamento è semplice: noi abbiamo una squadra di ministri già pronta, abbiamo un candidato alla presidenza del consiglio dei ministri che è Giuseppe Conte, il professor Conte, bene, troviamo una persona della stessa caratura, Elevatura (ahi ahi forse era meglio “levatura” ndr) e libertà dell’eccellente professor Savona e il professor Savona rimane nella squadra di Governo in un’altra posizione di Ministro”.

    Si dice che la lingua sia in continua evoluzione, quindi chissà: magari un giorno l’elevatura morale della nostra classe dirigente subirà una repentina accellerazione. C’è da sperarlo.

    E per chiudere, chiunque volesse sentirsi titolato a criticare Luigi Di Maio è invitato a mettersi prima alla prova con il nostro quiz: QUANTO CONOSCI LA LINGUA ITALIANA.