Il leghista Ciocca al ladro albanese ferito: ‘Le tue cure costano 6.500 euro, chiedi scusa agli italiani e vai via’

Angelo Ciocca si è reso protagonista di un vero e proprio blitz al Policlinico di Pavia, dove era ricoverato un giovane albanese che stava per rubare in un'abitazone, ma che è stato raggiunto da un proiettile di fucile sparato dal padrone di casa

da , il

    Il leghista Ciocca al ladro albanese ferito: ‘Le tue cure costano 6.500 euro, chiedi scusa agli italiani e vai via’

    L’europarlamentare leghista Angelo Ciocca si è recato presso il Policlinico San Matteo di Pavia per incontrare Zef Tuci, il 27enne di origine albanese che era stato ricoverato dopo essere stato colpito da un proiettile di fucile, sparato dal padrone della casa Casteggio (Pavia) in cui stava tentando di portare a termine una rapina. Ciocca si è presentato con un cartello da far leggere a Tuci, “Il tuo crimine ci è costato 6.500 euro” e ha poi postato un video sui suoi social network.

    “Devi chiedere scusa agli italiani che hanno dovuto sborsare oltre 6.500 euro per curarti. Sei venuto in Italia per derubarci, ora devi tornare al tuo Paese”, sono state in sostanza le parole di Ciocca.

    “Questo signore – commenta l’eurodeputato pavese – delinquente, irregolare, che viene nel nostro Paese per derubarci, dovrebbe ringraziare tutti i cittadini italiani che con grande civiltà lo hanno curato a proprie spese. Non vogliamo delinquenti sul nostro territorio”. “Lei quel gesto non lo deve ripetere, ci deve riflettere e deve chiedere scusa” e ancora “Le chiedo da deputato europeo, non stia in Italia se ha in mente di delinquere”.

    E poi conclude: “Chiediamo che venga cambiata la legge sulla legittima difesa”.

    Il riferimento è alla vicenda che ha visto protagonista proprio il giovane che qualche giorno fa (era la fine di marzo), di notte, aveva tentato di rubare all’interno di una casa nella località di Casteggio, in provincia di Pavia.

    Il residente della casa si era reso conto che qualcuno si stava aggirando nella sua proprietà, scorgendo nel cortile dell’abitazione due figure che indossavano un passamontagna, e aveva messo mano al fucile, sparando e ferendo Tuci, che fu poi ricoverato in ospedale per ricevere le necessarie cure del caso. Il proprietario dell’abitazione, un camionista di 56 anni, risulta ora essere indagato per eccesso di legittima difesa. Mentre il 27enne di origine albanese è attualmente indagato per tentata rapina.